Roma, crollo all'interno della Domus Aurea

Una parte del soffitto è crollata questa mattina

Una parte del soffitto della Domus Aurea, l'edificio voluto da Nerone dopo l'incendio che nel 64 dopo Cristo distrusse gran parte di Roma, è crollata questa mattina. Il cedimento ha interessato 60 metri quadrati della volta di una delle gallerie Traianee che si trovano all'interno del complesso della Domus Aurea, nell'area di Colle Oppio accessibile al pubblico. Lo smottamento del terreno ha coinvolto circa 130 metri quadri dell'intera area archeologica. L'area che circonda la Domus Aurea, chiusa per lavori di restauro dal 2005, è stata recintata per questioni di sicurezza.

Colpa della Pioggia. "Il crollo di un'intera volta delle gallerie Traianee della Domus Aurea è stato causato dall'eccesso di pioggia che ha reso instabile il terreno sottostante". Così uno dei tecnici della Protezione Civile del comune di Roma, Piero Meloni, ha spiegato le cause del crollo a Roma. La volta crollata si trovava nell'area di Colle Oppio accessibile al pubblico. "Ora - ha aggiunto Meloni - i vigili del fuoco stanno procedendo alle prime operazioni propedeutiche di messa in sicurezza per evitare che le piogge possano entrare nella voragine che si è creata".


Crolla anche una parte della Mura Aureliane. Nel pomeriggio una porzione delle Mura Aureliane si e' staccata a Roma all'altezza dell'Arco di via Nola ed è stata chiusa, in via precauzionale,via Santa Croce in Gerusalemme, mentre i vigili del fuoco stanno verificando se vi sono problemi di stabilita' di altre porzioni delle mura.In passato le mura erano state interessate da un crollo di piu' vaste proporzioni. Intanto e' stata transennata e chiusa anche la parte dei giardini di Colle Oppio. La chiusura, precisa il soprintendente archeologico di Roma Giuseppe Proietti, e' stata disposta in attesa che venga fatta una perizia geologica urgente che verra' commissionata al commissario della Domus, Luciano Marchetti. E' stato anche deciso che il lavoro di consolidamento urgente della parte crollata verra' affidato all'impresa che avrebbe dovuto eseguire il primo lotto dei restauri. Il crollo, sottolinea Proietti, non ha riguardato un ambiente di pertinenza della Domus Aurea, bensi' una delle gallerie di sostruzione alle terme di Traiano, e ha interessato anche una porzione del giardino sovrastante, un'area di circa cento metri quadrati.


(red)