Roma, via libera definitivo al nuovo Piano di Protezione Civile

Il nuovo Piano arriva a dieci anni dal precedente "Piano Generale di Protezione Civile" e recepisce le norme più recenti e le ultime linee guida

Via libera, unanime e definitivo, dell’Assemblea Capitolina al nuovo Piano di Protezione Civile di Roma Capitale. Il documento, approvato dopo l’iter necessario, arriva a dieci anni dal precedente “Piano Generale di Protezione Civile” e recepisce le nuove norme nazionali, le ultime linee guida regionali e – nel tracciare gli scenari di rischio – i recenti provvedimenti dell’Autorità di Distretto Idrografico e la nuova classificazione sismica della Regione. Il tutto, tenendo conto di come è cambiata la città nel decennio.

Il Piano (disponibile qui) si articola in otto fascicoli, il primo dedicato agli aspetti generali del sistema di protezione civile e ciascuno dei successivi a un rischio specifico: rischio idraulico ed esondazioni, rischio idrogeologico da frane, neve e ghiaccio, incendi, incidenti industriali, rischio sismico, infine i rischi di minore estensione (emissione gas endogeni, cavità, incendi di rifiuti, manifestazioni di forte impatto locale).

Previsto il costante aggiornamento del piano: la prima revisione in calendario è fissata per gennaio 2020. Altro aspetto importante: grazie al lavoro condiviso con diversi settori dell’Amministrazione sono state mappate caratteristiche e criticità del territorio romano e sono stati individuati 753 siti (circa 50 in media per Municipio) da utilizzare per le emergenze.

In cantiere campagne di comunicazione sui rischi che caratterizzano l’area romana e sui comportamenti da adottare all’occorrenza. I cittadini saranno informati nei prossimi mesi con nuovi strumenti cartografici e con una nuova app dedicata.

red/gp

(Fonte: Comune di Roma)