La rupe dopo il crollo del 2014 (fonte foto: Regione Emilia-Romagna)

Rupe San Leo (RN): maxi intervento da 6 mln di euro. Fine lavori nel 2019

Proseguono i lavori per il consolidamento e l'accessibilità alla Rupe di San Leo, gioiello paesaggistico e ambientale del riminese, da cui nel 2014 si distaccò una parete di roccia alta 90 metri. Finanziati complessivamente per quasi sei milioni di euro, i lavori si concluderannoa fine 2019

Proseguono senza sosta i lavori per consolidare e rendere nuovamente accessibile la rupe di San Leo, da cui, il 27 febbraio 2014, si distaccò una parete di roccia alta 90 metri.
Oggi nel comune riminese è stato presentato il maxi intervento avviato lo scorso 24 settembre sulla parete est della rupe, sottostante l'unica strada che conduce al borgo, che una volta consolidata permetterà la piena fruizione turistica della Rocca.

Una rete di chiodature lunga quasi 13 chilometri renderà sicuro l'accesso alla Fortezza di San Leo: un ancoraggio ogni 5 metri, fissato da 20 ad oltre 70 metri di profondità, per circa 600 perforazioni necessarie ad assicurare l'unione tra cunei di roccia potenzialmente instabili.
"Una tecnica consolidata - ha commentato l'assessore regionale alla Difesa del suolo Paola Gazzolo, intervenuta nel borgo riminese per fare il punto sui lavori - ma ad essere straordinaria è l'estensione della superficie a cui è applicata: circa 10 mila metri. Il lavoro di squadra a tutti i livelli istituzionali svolto da quando si è verificata la frana ha prodotto risultati concreti. Inoltre, con il coinvolgimento della comunità scientifica, abbiamo messo insieme le migliori tecnologie e le migliori professionalità regionali per le azioni di monitoraggio e gli interventi di messa in sicurezza. Questo è un esempio di come l'Emilia-Romagna sa lavorare di fronte alle emergenze. La difesa del suolo è una delle nostre priorità, per questo continueremo ad investire risorse nella prevenzione e manutenzione. La strategia è delineata e siamo già al lavoro per la progettazione di nuovi interventi per ulteriori 2 milioni di euro per il consolidamento della parte sud della rupe".

La rupe di San Leo è un gioiello paesaggistico e ambientale del riminese che l'Emilia-Romagna vuole proteggere con tutti i mezzi e le risorse possibili. La conclusione dei lavori è prevista entro dicembre 2019.

red/pc
(fonte: Regione ER)