fonte foto: UNHCR

Sbarchi, in arrivo oltre 4.000 migranti in Sicilia

Sbarcheranno oggi, dopo i salvataggi avvenuti tra le coste del Nordafrica e quelle siciliane. A Palermo una task force attende la nave Siem Pilot, con 1.117 migranti e 17 salme

Circa 4292 migranti giungeranno oggi in diversi porti italiani dopo i salvataggi tra le coste del Nordafrica e quelle siciliane. Le imbarcazioni trasportano, oltre al carico di migranti tratti in salvo durante diverse operazioni in mare, anche molti morti. Come la nave Siem Pilot, che è attesa a Palermo (dove è stata dirottata dopo che a Cagliari, iniziale destinazione, è ancora emergenza dopo lo sbarco di oltre 1.200 persone all'inizio di ottobre) con 1.117 migranti e 17 salme. O come la nave Dignity I, attesa a Trapani con 552 persone e una salma.

Inoltre il mercantile Tanker Okyroe giungerà ad Augusta con 758 persone; la nave Werra giungerà con 857 migranti a Messina; la nave Corsi con 358 migranti arriverà a Crotone; la nave Beckett con 650 migranti giungerà a Pozzallo. E, ancora, la nave Aquarius, che giungerà domani a Taranto con 520 migranti.

E nel canale di Sicilia le operazionidi recupero continuano: sono infatti in attesa di altri salvataggi la nave Dattilo, che ha già a bordo 434 migranti, la nave Iuventa con 278 migranti a bordo, la nave Rio Segura con 117 persone raccolte davanti le coste libiche.

A Palermo, ad attendere la Siem Pilot, ci sarà una task force coordinata dalla prefettura e formata, oltre che dalle forze dell'ordine, da personale dell'Azienda sanitaria provinciale, del 118, dai volontari della Caritas e della Croce Rossa, e dai tecnici del Comune.

Secondo i più recenti dati di Unhcr tra il 1° gennaio e il 30 settembre di quest'anno hanno attraversato il Mediterraneo più di 300 mila persone, delle quali più di 131 mila sono sbarcate in Italia, le altre in Grecia. I morti sono stati più di tremila. A partire dallo scorso settembre i flussi verso la Grecia si sono praticamente azzerati dopo la chiusura della rotta balcanica.

red/lg