Settimana Mondiale della
Sicurezza Stradale: l'impegno
di ANCI e dei Comuni

Anche l'ANCI, l'Associazione Nazionale Comuni Italiani aderisce alla Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, con l'obiettivo di ridurre l'incidentalità stradale con particolare riferimento alla salvaguardia dei pedoni

"Promuovere iniziative e azioni concrete volte alla riduzione dell'incidentalità urbana, che ha conseguenze soprattutto sui pedoni": questo l'impegno che ANCI, l'Associazione Nazionale Comuni Italiani, si è assunto in occasione della Seconda Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, promossa dal 6 al 12 maggio dalle Nazioni Unite e dall'OMS.
Pronta l'adesione all'iniziativa di Anci pervenuta da tutti i capoluoghi di Regione e da oltre cento città che si sono assunte l'impegno, con una serie di iniziative sul tema sia a breve che a lungo termine, di ridurre se non azzerare la mortalita' dei pedoni sulle strade urbane.

L'impegno assunto dagli aderenti all'iniziativa è quello di prevenire durante la settimana incidenti stradali che coinvolgano i pedoni e, sul lungo periodo, predisporre l'avvio di interventi di miglioramento della sicurezza dei pedoni, in linea con gli obiettivi della Settimana Mondiale, che si propone, per il decennio 2011-2020, di salvare in tutto il mondo cinque milioni di vite.

Sempre in tema di sicurezza stradale, sul sito www.sicurezzastradale.anci.it  si possono avere notizie,  informazioni sulle attività e fini perseguiti dell'Osservatorio Nazionale delle Autonomie Locali sulla Sicurezza Stradale,  istituito da Anci e Upi (Unione Province Italiane) per favorire il coordinamento dei Comuni e delle Province sul tema della sicurezza stradale.


red/pc

(fonte: ANCI)