Sisma Emilia, ''dalla paura al risveglio'': un libro guarda al volontariato

Tantissimo l'impegno del volontariato per portare soccorso all'Emilia, colpita nel 2012 dai devastanti terremoti di maggio. A Mirandola verrà presentato un libro, "Dalla paura al risveglio. Testimonianze di comunità del terremoto dell'Emilia", composto da diverse esperienze di volontari

Fortissima la paura la notte del 20 maggio 2012, quando alle 4.03 migliaia di persone sono state svegliate dalla devastante scossa di terremoto di magnitudo 5.9 che ha colpito Emilia, Lombardia e Veneto. Un risveglio pieno di angoscia e di tragedia: il sisma aveva causato tantissimi danni e 7 vittime. Poi il 29 maggio la seconda scossa. Il maggio di quell'anno ha visto in tutto 28 persone morte a causa delle scosse di terremoto.

Partendo dall'impatto del sisma e guardandone le conseguenze arriva un libro:
"Dalla paura al risveglio. Testimonianze di comunità del terremoto dell'Emilia". Realizzato dall'Osservatorio regionale del Volontariato e dal Centro Servizi per il Volontariato di Modena, in collaborazione con l'assessorato alle Politiche sociali della Regione Emilia-Romagna, il libro sarà presentato domenica 7 settembre alle 11 in piazza Costituente a Mirandola, nell'ambito del Festival del Volontariato.

Il libro è il frutto di un lavoro di indagine portato avanti nei mesi successivi al terremoto, con l'obiettivo di capire "quanto volontariato" fosse stato coinvolto nel post emergenza. In collaborazione con il Dipartimento di psicologia dell'emergenza dell'Università di Bologna sono stati portati avanti focus group e somministrati questionari per capire cosa stesse succedendo tra le persone coinvolte nella ricostruzione, soprattutto nei momenti successivi al "picco adrenalinico" delle prime ore, quando sono subentrati comportamenti, pensieri, riflessioni che hanno cambiato profondamente la vita delle persone.

Il volume vuole andare oltre la narrazione e offrire uno strumento per capitalizzare quanto imparato in occasione del terremoto per metterlo a frutto in vista di necessità future. Si tratta di una ricerca qualitativa, che ha ragionato scientificamente per definire il peso del volontariato nell'esperienza specifica del terremoto in Emilia.

Redazione/sm

(fonte: sito web Dipartimento della Protezione Civile - www.protezionecivile.gov.it)