(Fonte foto: Coldiretti)

Smog, per Coldiretti è colpa di siccità e temperature alte

Nell'anno appena trascorso l'Italia ha registrato un aumento record del +156% di ondate di calore e di gelo, tornado, tempeste di pioggia, grandine rispetto a cinque anni

Un inverno dal meteo estremamente mite con elevate temperature massime, assenza di venti e da oltre un mese mancanza di piogge significative: anche questo favorisce lo smog.

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli effetti di un inverno anomalo che condiziona la vita sia in città che in campagna. Un evento estremo che conferma i cambiamenti climatici in atto, i quali si manifestano, come viene sottolineato in una nota, con una marcata tendenza al surriscaldamento ma anche con la più elevata frequenza di fenomeni eccezionali con sfasamenti stagionali su temperature e precipitazioni ed il rapido passaggio dal maltempo alla siccità.

Nell'anno appena trascorso l'Italia ha registrato un aumento record del +156% di ondate di calore e di gelo, tornado, tempeste di pioggia, grandine rispetto a cinque anni fa secondo l'analisi Coldiretti sulla banca dati europei degli eventi estremi ESWD che ne ha rilevati in media più di 4 al giorno lungo la Penisola con pesanti conseguenze sull'economia, sul lavoro e sull'ambiente.

Il 2019 è stato in Italia anche il quarto anno più caldo dal 1800 con una temperatura superiore addirittura di 0,96 gradi rispetto alla media di riferimento dopo i record di 2014, 2015 e 2018 secondo elaborazioni Coldiretti su dati Isac Cnr. 

In questo ambito si inserisce la firma del Manifesto di Assisi, "per un'economia a misura d'uomo contro la crisi climatica". “L’agricoltura italiana che si estende su circa la metà della superficie nazionale è il settore che più subisce gli effetti del cambiamento climatico ma anche quello più impegnato a contrastarli” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini che è stato tra i cinque promotori del manifesto di Assisi per rispondere concretamente all’invito del premier Giuseppe Conte ad avere come alleata la Coldiretti per un Green New Deal che favorisca la transizione ecologica, la cura dell’ambiente e la protezione delle biodiversità lo scorso settembre al Villaggio contadino di Bologna.

red/gp

(Fonte: Coldiretti)