Terremoto, anche le discoteche raccolgono fondi: 50 centesimi a biglietto

Anche il mondo dell'intrattenimento musicale e dei locali da ballo dà il proprio sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto. Raccolta fondi in discoteca promossa dal sindacato italiano locali da ballo (Silb) e Siae: per ogni ingresso, dal 21 al 23 ottobre, 50 centesimi andranno alle comunità terremotate

Tornare alla normalità è il punto da cui le popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto hanno bisogno di ricominciare. Con questo obiettivo si sono attivate, organizzando una raccolta fondi, anche il Silb - associazione italiana imprese da intrattenimento, da ballo e spettacolo aderente a Confcommercio - e la Società Italiana degli Autori ed Editori (Siae).
"Contiamo di raccogliere, e magari superare, una cifra di circa 100 mila euro. Un contributo per ricostruire un tessuto sociale che il sisma rischia di lacerare ma che deve essere difeso anche attraverso luoghi e momenti di condivisione e di interazione". Così Maurizio Pasca, presidente del Silb, commenta l'iniziativa.
La raccolta si svolgerà nelle serate del 21, 22 e 23 ottobre, "quando tutti i locali da ballo e le discoteche aderenti al Silb devolveranno, attraverso Siae, 50 centesimi per ogni biglietto di ingresso staccato".
Secondo Filippo Sugar, presidente Siae, "questo importante accordo si inserisce nelle attività concrete che la Società Italiana Autori ed Editori sta promuovendo affinché il ricavato delle iniziative benefiche possa essere integralmente devoluto in favore delle popolazioni colpite dal sisma".

red/gt