fonte: Regione Umbria

Terremoto Centro, governatore Umbria: "Verso ampia mobilitazione per ricostruzione"

Il presidente Paparelli ha anche annunciato che "è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione l’avviso pubblico con il quale vengono concessi i contributi a tutte le imprese dell’area del sisma"

"Bisognerà che insieme si alzi la voce nei confronti di questo Governo che da più di un anno ci riempie di parole e di promesse, ma di fatto la ricostruzione post sisma è bloccata". Queste le parole del presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, ieri a Norcia (PG) dove ha avuto diversi incontri nel corso dei quali si è parlato sia della realizzazione del Polo scolastico di Norcia, sia della possibilità di delocalizzare una struttura per anziani, "per poterli finalmente riportare nei loro territori".

Il presidente Paparelli ha "stigmatizzato" il comportamento delle forze politiche della maggioranza di Governo che "ė in grado di assumere in poco tempo 4 mila navigator, mentre non si riesce ad assumere appena 300 persone per far ripartire e velocizzare la ricostruzione".


"Il famoso decreto 'sblocca cantieri' - ha aggiunto Paparelli -, che avrebbe dovuto contenere molte delle norme che avevamo proposto e sulle quali lo stesso presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, aveva dato proprio a Norcia ampie rassicurazioni, purtroppo ha profondamente deluso le aspettative degli amministratori regionali e locali delle quattro regioni del centro Italia interessate alla ricostruzione, e quindi degli stessi cittadini".

Paparelli ha annunciato che presto incontrerà gli amministratori locali delle aree terremotate, le organizzazioni sindacali e le associazione di categoria "per lanciare una ampia e forte mobilitazione", affinché il Governo assuma i provvedimenti annunciati e promessi, in grado di consentire la ripresa della ricostruzione e la sua velocizzazione e semplificazione.

Infine, nel corso degli incontri odierni a Norcia il presidente Paparelli ha annunciato che "è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione l’avviso pubblico con il quale vengono concessi i contributi a tutte le imprese dell’area del sisma che già a partire da subito dopo i primi eventi sismici del 2016, abbiano effettuato investimenti per la ripresa delle attività produttive".

"Con questo provvedimento – ha sottolineato Paparelli – vogliamo sostenere la ripresa e lo sviluppo del tessuto produttivo dell’area colpita dagli eventi sismici dell’agosto e dell’ottobre 2016 e del gennaio 2017. L’avviso pubblico definisce le caratteristiche dei progetti agevolabili, i soggetti che possono beneficiarne, la forma e la misura degli aiuti, le spese ammissibili, i criteri di valutazione e le procedure di accesso, di concessione e di erogazione degli aiuti. La dotazione finanziaria dell’avviso ammonta complessivamente a 4 milioni e 900mila euro".

I Comuni umbri rientranti nell’area del cratere sismico sono: Arrone, Cascia, Cerreto di Spoleto, Ferentillo, Montefranco, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Polino, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Sellano, Vallo di Nera e Spoleto.

È prevista una riserva di Euro 1.960.000, pari al 40% delle risorse stanziate, per i progetti di investimento proposti da imprese aventi unità operativa nei Comuni di Norcia, Cascia, Preci e Monteleone di Spoleto; all’interno di ognuna delle 2 graduatorie generate dall’applicazione di tale riserva una quota massima di risorse del 10%, pari complessivamente di Euro 490.000, è destinata ad imprese operanti nei settori dell’agricoltura primaria, della pesca e dell’acquacoltura.

red/mn

(fonte: Regione Umbria)