Terremoto Centro, Legnini nuovo commissario per la ricostruzione

L'incarico era stato precedentemente svolto dal prof. Piero Farabollini

"In considerazione della proroga dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria ed Abruzzo dal 24 agosto 2016", il presidente del Consiglio Giuseppe Conte "ha nominato, in data odierna, con proprio decreto, l'avv. Giovanni Legnini Commissario straordinario per la ricostruzione". Così si legge in una nota di Palazzo Chigi. L'incarico durerà fino alla fine del 2020.

"L'incarico affidato a Legnini, che decorre da oggi e dura fino al 31 dicembre 2020, era stato precedentemente svolto dal prof. Piero Farabollini, a cui vanno i ringraziamenti della Presidenza del Consiglio per il lavoro svolto", si legge ancora nella nota.

In un lungo post su Facebook, Legnini scrive: "Con la nomina a Commissario per la ricostruzione nelle quattro regioni del centro Italia (Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria) colpite dal sisma del 2016-2017, assumo una grande responsabilità alla quale dedicherò tutte le mie forze. Una funzione di grandissimo impegno che potrà portare risultati attesi già da troppo tempo soltanto ascoltando tutti e collaborando con i 140 Sindaci che quotidianamente sono chiamati a farsi carico di enormi responsabilità, i 4 Presidenti delle Regioni cui è affidata l’importante funzione di Vice Commissari, il Governo e il Parlamento cui spetta la responsabilità di assicurare norme, mezzi e risorse. Ringrazio il Presidente del Consiglio e tutto il Governo per la fiducia accordatami. Ringrazio per il lavoro svolto i Sottosegretari e i Commissari che hanno già assolto alle importanti funzioni politiche e commissariali, Vasco Errani, Paola De Micheli, Vito Crimi e Piero Farabollini. Sono consapevole dell’urgente necessità di velocizzare la ricostruzione per garantire i diritti dei cittadini, in primo luogo a rientrare al più presto nelle loro case, e ripristinare le strutture e le condizioni per assicurare qualità di vita, di studio e di lavoro sui territori. Potrò riuscirci solo con una costante e leale collaborazione con tutte le Istituzioni e le formazioni sociali, e con una squadra competente e motivata, a partire dalle professionalità di chi già opera nelle struttura commissariale e negli uffici speciali. Inizia oggi una nuova grande sfida che affronterò con disciplina e onore"

red/mn

(fonte: Ansa)