fonte foto: Croce Rossa Italiana

Terremoto, continuano le attività della Croce Rossa

Al momento sono 262 i volontari impegnati nelle località più colpite, più di 90 i veicoli coinvolti nell'emergenza: tra questi, decine di ambulanze, furgoni, fuoristrada e autocarri. Tra il personale in campo, anche le squadre di Croce Rossa di supporto psicologico, soccorsi speciali, unità cinofile, medici, infermieri e personale logistico

Nelle località colpite dal sisma, la Croce Rossa Italiana, in stretta collaborazione con la Protezione Civile, prosegue senza sosta le attività di supporto e sostegno alle popolazioni coinvolte dal terremoto.

Attualmente sono 262 gli operatori umanitari della CRI impegnati nelle località più colpite tra cui Amatrice e Accumoli, Pescara del Tronto, Arquata del Tronto. Secondo i dati forniti dalla Sala Operativa Nazionale della Croce Rossa, che coordina gli interventi, sono 90 i veicoli attualmente impiegati nell'emergenza tra cui decine di ambulanze, furgoni, fuoristrada, autocarri carichi di materiali e attrezzature.

Posizionata al km 130 della via Salaria, è in funzione la Direzione di Comando e Controllo (Di.Coma.C) mobile, giunta dal Polo Logistico CRI di Avezzano.

Sono inoltre pienamente operative 2 cucine da campo CRI ad Amatrice e ad Accumoli. Ed è in funzione al campo sportivo di Amatrice un PMA, posto medico avanzato, gestito da Croce Rossa a supporto del pronto soccorso locale.

La Croce Rossa è impegnata in attività di assistenza nei centri di accoglienza per le persone sfollate, supporto sanitario-logistico e distribuzione di generi di conforto, monitoraggio e censimento della popolazione. In alcuni punti di accoglienza i volontari svolgono attività di animazione per più piccoli.

Tra il personale in campo, anche le squadre di Croce Rossa di supporto psicologico, soccorsi speciali, unità cinofile, medici, infermieri e personale logistico.

red/lg

(Fonte: Croce Rossa Italiana)