fonte foto: pixabay.com

Terremoto: i geologi in campo per ricognizioni e cartografia

A supporto delle tante professionalità che già stanno operando per la gestione post-sisma in Centro Italia, è stata richiesta la mobilitazione di un nucleo di geologi professionisti per le problematiche geologiche e geomorfologiche inerenti le verifiche di agibilità degli edifici e come supporto al settore cartografico

Si è svolta martedì  6 settembre 2016  presso la Di.Coma.C (Direzione Comando e Controllo) di Rieti, una riunione tra Funzionari del Dipartimento della Protezione civile, il Presidente e i referenti protezione civile del Consiglio Nazionale dei Geologi  (CNG ), per rispondere alla richiesta di mobilitazione di un nucleo di geologi a supporto della Funzione "Censimento danni e rilievo agibilità post evento". Lo ha reso noto Lorenzo Benedetto, referente della Commissione Protezione Civile del CNG.

"Nel corso della riunione - ha dichiarato il Presidente del CNG, Francesco Peduto - sono stati discussi i possibili ambiti di utilizzo dei geologi professionisti in attività di ricognizione delle problematiche geologiche e geomorfologiche, a supporto delle verifiche di agibilità degli edifici. Nel corso delle prossime riunioni operative sarà possibile definire meglio i compiti che le squadre di geologi svolgeranno in campo, nonché la ricognizione delle problematiche geologico-tecniche rilevate e connesse all'agibilità dei fabbricati. Un altro ambito di utilizzo, individuato nel corso della riunione, sarà il supporto al settore cartografico".

"Per tali attività - ha dichiarato Adriana Cavaglià, Coordinatore della Commissione Protezione Civile - i geologi dovranno avere una approfondita conoscenza del Sistema di Protezione Civile, una maturata esperienza nel rilevamento geologico e geomorfologico, nonché nel rilievo delle problematiche geologico-tecniche connesse ai fabbricati; per chi opererà a supporto del settore cartografico, sarà necessaria una maturata esperienza in campo di software GIS. Le attività saranno coordinate dal Consiglio Nazionale dei Geologi che si interfaccerà direttamente con la DICOMAC. Per i tecnici professionisti sono previste turnazioni settimanali".

red/pc
(fonte: CNG)