(aree del Nepal maggiormente colpite dal terremoto - immagine: icimod.org)

Terremoto Nepal: 7.557 vittime, se ne temono ancora. Individuati ultimi italiani

Si teme che il bilancio delle vittime, che ha raggiunto 7.557 persone, possa salire notevolmente adesso che i soccorritori stanno raggiungendo i villaggi più remoti colpiti dal sisma. La Farnesina comunica che sono stati individuati gli ultimi 2 italiani segnalati

A dieci giorni dal terremoto in Nepal continua ancora a salire drammaticamente il bilancio delle vittime, l'ultimo dato parla di 7.557 morti a cui si aggiungono 14.536 feriti (a questo link il National Emergency Operation Center del Nepal aggiorna con il numero di vittime e feriti in base alle diverse regioni colpite). Ma le autorità nepalesi temono che il numero possa ancora aumentare notevolmente: i soccorritori stanno riuscendo solo in queste ultime ore a raggiungere i villaggi più remoti dell'Himalaya, i più devastati dal sisma. Alcuni villaggi nella regione di Sindhupalchowk, la più colpita, non hanno infatti ricevuto ancora niente. "Nella nostra area c'erano 800 case, ne sono rimaste in piedi quattro. Abbiamo un disperato bisogno di tende", afferma Jit Bahadur Tamang un abitante del villaggio di Karthali.

Sono oltre 131.500 i militari e soccorritori che stanno cercando di raggiungere i villaggi isolati sulle montagne, assistiti da oltre 100 squadre di soccorso straniere.

Intanto la Farnesina comunica che "l'unità di crisi è riuscita ad individuare in queste ore anche gli ultimi italiani segnalati e non ancora rintracciati. Il monitoraggio costante della situazione da parte dell'Unità di Crisi, dell'Ambasciata a New Delhi e del Consolato Generale a Calcutta continua comunque, per far fronte ad ogni evenienza" scrive il Ministero degli Esteri in una nota. Le salme del signor Oskar Piazza e della signora Gigliola Mancinelli sono giunte in Italia ieri in serata, mentre continuano le ricerche dei corpi di Marco Pojer e Renzo Benedetti. Personale dell'Unità di Crisi e della Protezione Civile è partito ieri notte per seguire l'attività di ricerca e recupero dei corpi dei due connazionali.

Secondo i dati ufficiali, sarebbero ancora 112 gli stranieri di cui non si ha più notizia dopo il sisma. "Secondo i nostri registri fra il 15 e il 25 aprile vi erano 558 turisti nella regione di Langtang. Alcuni sono stati soccorsi, ma stiamo ancora verificando i numeri", afferma Ramesh Adhikari, capo del Nepal Tourism Board.


Redazione/sm