Terremoto: notte di scosse in tutta Italia

La terra trema dall'Emilia alla Sicilia. Le scosse sono state tutte di lieve identità, non si registrano danni a persone o cose.

Diversi movimenti tellurici, sebbene di lieve entità, sono stati registrati nella notte tra venerdì e sabato in tutta la Penisola. Non sono giunte segnalazioni di danni a persone o cose.

La scossa più forte è stata quella rilevata al largo delle coste siracusane: 2.6 gradi della scala Richter. Il sisma ha avuto ipocentro a 25 km di profondità ed epicentro nel comune di Augusta.

Una scossa di magnitudo 2.4 è stata registrata intorno alle 2 di notte nel Lazio, ai Castelli Romani. Secondo i rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il terremoto ha avuto ipocentro a 13,2 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Albano, Ariccia, Castel Gandolfo, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, Marino, Nemi e Rocca di Papa.

Ancora terremoto anche in Emilia: il sisma, di magnitudo 2.1, ha avuto ipocentro tra Modena e Ferrara (in particolare Finale Emilia, Bondeno e Sant'Agostino).

La terra ha tremato anche in Umbria, tra Perugia e Terni (magnitudo 2.3). L'ipocentro è stato individuato a 9,9 km di profondità e l'epicentro tra Sant'Anatolia di Narco, Scheggino, Arrone, Ferentillo, Montefranco e Polino.

Per finire, registrata una lieve scossa (magnitudo 2.1) anche nell'Aquilano. Il sisma ha avuto ipocentro a 9,5 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Barete, Cagnano Amiterno, Capitignano, Montereale e Pizzoli.


Red/cb
Fonte: ANSA, INGV