Foto: governo.it

Terremoto, Renzi in Molise 14 anni dopo: ok ai risarcimenti e un progetto per minori

Dopo il cordoglio, le promesse e i progetti. Si sintetizza così la visita di Matteo Renzi nel Molise colpito dal terremoto. Prima tappa: San Giuliano di Puglia. Addolorato di fronte ai familiari delle vittime, Renzi dice che i risarcimenti arriveranno. Il villaggio delle casette in legno che ospitò i terremotati accoglierà minori non accompagnati. Siglato il “Patto per il Molise” (727 milioni d’investimenti)

Sono ormai passati quattordici anni da quella strage. Era il 2002. Per i comuni di San Giuliano di Puglia, Colletorto, Bonefro, Castellino del Biferno e Provvidenti l’incubo inizio alla fine di ottobre con un terremoto di magnitudo 6. La scuola elementare nella quale si trovavano quattro insegnanti, due bidelli e cinquantotto bambini crollò. Morirono ventisette bimbi. E con loro anche la maestra Carmela.
E’ prima di tutto a loro che ha pensato il premier Matteo Renzi, che ieri ha fatto visita a San Giuliano. Ha voluto iniziare la sua visita in Molise da “questa piccola comunità” perché "l'Italia non dimenticherà mai i suoi piccoli connazionali di San Giuliano”, ha scritto il premier su Facebook. "Noi cerchiamo naturalmente di rimuovere dalla mente le tragedie. Ma per chi ha perso un figlio ogni giorno il dolore si rinnova e si fa più pesante. Sull'edilizia scolastica - scrive il presidente del Consiglio - stiamo investendo come nessun governo ha fatto mai. Ma non bastano le slide con gli interventi o i cantieri aperti questa estate: penso che sia doveroso dimostrare la presenza delle istituzioni anche a tanti anni di distanza. E da padre ho voluto stringere in un abbraccio - a nome di tutti gli italiani - chi in quella scuola ha visto distrutta la propria famiglia".
Renzi è arrivato alle 16. Quella di San Giuliano di Puglia, a Campobasso, è la prima tappa. E in municipio ha incontrato i familiari delle vittime del crollo della scuola “Jovine”. Si è fermato a parlare con Pompeo Barbieri, uno dei sopravvissuti della tragedia. Pompeo, all'epoca uno degli alunni della scuola elementare del paese, oggi studente universitario, è sulla sedia a rotelle. Rimase a lungo sepolto sotto le macerie prima di essere tratto in salvo dai soccorritori. Questo non gli impedisce di praticare nuoto a livello agonistico. "Ti aspetto alle Olimpiadi del 2020" gli ha detto Renzi salutandolo.



Durante l'incontro si è parlato anche della questione dei risarcimenti. "D'accordo con il sindaco e con il Presidente della Regione abbiamo lavorato perché potessero arrivare alle famiglie almeno i risarcimenti a loro spettanti e, con il decreto legge che è appena stato votato dal parlamento, abbiamo trovato la possibilità di restituire una parte del dovuto. Noi siamo qui come Stato, 14 anni dopo” ha detto Renzi. ”Intanto per dare un abbraccio, per dire che non ci dimentichiamo del dolore di chi ha perso un figlio, che è il dolore più grande. Siamo qui per dire che questo Governo sta mettendo un sacco di soldi sulla scuola e sull'edilizia scolastica. Siamo qui peraltro per dire che la soluzione specifica per i genitori di San Giuliano di Puglia da un punto di vista tecnico e burocratico è stata trovata. Continueremo a seguire e ad essere vicini".
Il Presidente del Consiglio ha annunciato un'altra novità per il paese simbolo del terremoto molisano: riguarda il villaggio delle casette di legno che ospitò i terremotati e che oggi è inutilizzato. "Noi abbiamo molti progetti in campo, di uno ne abbiamo discusso con Frattura” spiega tirando in ballo il presidente della Regione Molise. “Abbiamo pensato che tornando a Roma con De Vincenti chiederemo al ministero dell'Interno di cambiare il progetto sul villaggio: invece che pensare a un ingresso di 200 o più migranti vorrei che ci potessimo occupare lì di minori non accompagnati, anche per ricordare i bambini che non ci sono più”.
Nel capoluogo Renzi ha firmato con il governatore Paolo Di Laura Frattura il “Patto per il Molise”: 727 milioni di investimenti con 55 interventi in molti settori. "Non è la lista della spesa, si tratta di interventi concreti".

red/gt