Treni: situazione inaccettabile
in Emilia Romagna

"Inaccettabili i disagi che continua a subire chi si sposta quotidianamente in treno" Lo denuncia l'Assessore regionale ai trasporti dell'Emilia Romagna Alfredo Peri

Permane in Emilia Romagna un situazione assolutamente disagevole per pendolari e viaggiatori: ancora oggi, treni cancellati, ritardi su ritardi, assoluta mancanza di certezze per chi deve spostarsi in treno.

Dura e incisiva a questo riguardo la posizione assunta da Alfredo Peri, assessore regionale alla Mobilità e Trasporti Emilia Romagna, fronte alla drastica riduzione dei convogli nei giorni scorsi a causa dell'ondata di maltempo, e a quella prevista per i prossimi per consentire interventi e controlli. : "La situazione in Emilia-Romagna continua a essere molto grave - ha dichiarato Peri - Voglio dirlo chiaramente, e lo dico a Trenitalia e al governo: questo sistema, senza investimenti adeguati, non funziona. Il disastro di questi giorni ne è la dimostrazione. Non sono accettabili i disagi che continua a dover affrontare chi si sposta quotidianamente in treno. Così come non è accettabile che la scelta del mezzo di trasporto pubblico in situazioni complesse, per avere più affidabilità e sicurezza, si trasformi in un incubo. Incontreremo quanto prima il Crufer, il Comitato regionale utenti ferroviari Emilia-Romagna, per fare il punto. E' evidente - prosegue Peri - che Trenitalia non ha a disposizione materiale rotabile sufficiente. Invitiamo innanzitutto l'azienda ad effettuare la manutenzione dei mezzi che hanno subito danni a causa di neve e gelo nel più breve tempo possibile, utilizzando se necessario anche le officine di altre Direzioni. Ma soprattutto - aggiunge l'assessore - occorrono investimenti rilevanti per rinnovare un parco mezzi che presenta grosse criticità. Come Regione - conclude Peri - continuiamo e continueremo a fare la nostra parte, stanziando le risorse necessarie per la gestione dei servizi che ci competono e svolgendo costantemente attività di monitoraggio. Ma non basta - avverte Peri - all'azienda e al governo ricordiamo che questo sistema, senza investimenti adeguati, non funziona".



red/pc


fonte: uff. stampa Emilia Romagna