fonte: Daisybell

Trentino: in azione la campana anti-valanghe

Lo strumento viene attaccato sotto l'elicottero e controllato con un telecomando. Una miscela di idrogeno e ossigeno fa esplodere i costoni pericolanti. In azione tra Canazei e i passi Penia, Fedaia, Sella e Rolle

In Trentino la prevenzione del rischio valanghe viene dal cielo. Da giorni l'elicottero della Provincia di Trento sta portando in quota Daisybell, dispositivo tecnologico in grado di provocare il distacco controllato di valanghe.

Gli interventi, un centinaio in tutto, si sono concentrati nella zona nord orientale del Trentino, nella zona di Canazei, Penia, passo Fedaia, passo Sella e passo Rolle.

La tecnologia made in Francia è una campana che agganciata ad un elicottero con una corda di 20-30 metri e, una volta portata ad una distanza da 5 a 10 metri sopra il manto nevoso da gestire, è in grado di provocare il distacco del manto nevoso pericolante facendo esplodere una miscela di ossigeno e idrogeno.

Il distacco avviene ovviamente previa messa in sicurezza della zona sottostante, "procedendo alla preventiva chiusura di strade e sentieri". La gestione della campana è assicurata, a bordo dell'elicottero, dai nivologi di Meteo Trentino del Servizio prevenzione calamità pubbliche della Provincia di Trento, addestrati appositamente. Uno strumento che si è reso necessario in seguito alle nevicate dell'ultima settimana spiegano dalla Provincia.

red/cb

(fonte: il Dolomiti)