"Truck itinerante": un viaggio
nel volontariato italiano

E' partito da Catania il 24 Settembre il "Truck itinerante del Volontariato: Volontari che cambiano il mondo" e concluderà il suo viaggio fra i giovani volontari d'Italia con l'ultima tappa a Roma, a fine mese

E' un tir di 13 metri altamente attrezzato e supportato da nuove tecnologie e dotato di spazi attrezzati per gli incontri  il "Truck itinerante sul volontariato" partito da Catania il 24 Settembre che girerà tutta l'Italia facendo tappa a Reggio Calabria, Bari, Potenza, Benevento, Isernia, Civitavecchia, Guidonia, L'aquila, Ascoli, Todi, Grosseto, La Spezia, Torino, Brescia, Ferrara, Vicenza, Bolzano, Pordenone e che serberà Roma come momento conclusivo del viaggio. L'iniziativa è promossa dall'Agenzia Nazionale per i Giovani, dal Ministro della Gioventù in collaborazione con il Forum Nazionale dei Giovani e il Ministero del Lavoro, che, in occasione dell'Anno Europeo del Volontariato hanno deciso di promuovere questa base mobile denominata appunto "Truck itinerante del Volontariato: Volontari che cambiano il mondo", finalizzata a promuovere il Volontariato in ogni sua forma e la partecipazione attiva dei giovani.

Il Truck, si legge inoltre sul sito del Ministero, "sarà un veicolo per trasmettere i nostri principali obiettivi: promuovere la partecipazione e la cittadinanza attiva dei giovani; sviluppare la solidarietà; promuovere la tolleranza tra i giovani; favorire la conoscenza, la comprensione e l'integrazione culturale tra i giovani di paesi diversi. Sarà strumento per la conoscenza di novità importanti ed interessanti legate al mondo giovanile, attraverso attività di intrattenimento, informazione, confronto con gli operatori del settore e distribuzione di materiale informativo del Ministro della Gioventù e del Ministero del Lavoro".

Tante le iniziative messe in atto dalle città meta del Truck, un po' ovunque le Istituzioni hanno organizzato conferenze stampa per sottolineare l'importanza dell'iniziativa e la loro piena adesione.
Associazioni e volontari, ma non solo, si sono adoperati per far sì che il passaggio segnasse un momento di riflessione e di condivisione di esperienze e soprattutto un punto di scambio di informazioni sul mondo giovanile e del volontariato in genere.

A Grosseto, sede di un ufficio Europe Direct, a ricevere il Truck del volontariato, c'era il Sindaco Emilio Bonifazi. a Torino in Piazza Castello si è svolta un'intera giornata di dibattiti, presentazioni, proiezioni video, interviste, spettacoli, giochi e animazioni a cura delle associazioni di volontariato torinesi, piemontesi e nazionali.
A Benevento si sono svolte numerose iniziative informative e dimostrazioni che hanno visto il coinvolgimento di diverse associazioni di volontariato sannite, oltre ad una campagna di sensibilizzazione sul servizio civile.

Nel Comune di Todi sono stati allestiti stand delle associazioni di volontariato ed esposti gli automezzi dei gruppi di Protezione Civile ed il doblò per il trasporto di disabili.
Sono stati inoltre esposti alcuni lavori realizzati dalle scuole primarie e secondarie inferiori e si e svolta la premiazione del concorso "Gioventù in movimento: i giovani e il volontariato" riservato agli studenti delle degli Istituti Superiori.
Sono stati consegnati attestati di riconoscimento alle Associazioni di Volontariato per tutte le attività che svolgono quotidianamente a sostegno della popolazione ed in particolar modo dei più deboli, e si é tenuto un dibattito che trattava di politiche del welfare e del ruolo centrale del volontariato nell'ottica della sussidiarietà orizzontale.

In occasione della tappa a La Spezia è stata organizzata "L'Unione fa la forza", una performance artistica che ha visto protagonisti gli studenti del Liceo Artistico Statale "V. Cardarelli" in collaborazione con alcuni studenti diversamente abili dell'istituto superiore IPSAR "G. Casini". I ragazzi si sono cimentati, con la collaborazione degli artisti Gabriele Landi e Valeria Tognoni, nella realizzazione di un grande dipinto su carta di 25 metri, ispirandosi al linguaggio dell'artista americano Keith Haring.
Un banchetto informativo presidiato dai volontari delle associazioni locali che hanno presentato e raccontato le loro attività. ha accolto ad Ascoli Piceno l'arrivo del truck.

Anche a L'Aquila il passaggio del truck è stato accolto con entusiasmo ed è stato occasione di riflessioni da parte delle Istituzioni locali. Sul significato simbolico della scelta de L'Aquila quale una delle tappe del viaggio del Truck, ha posto l'accento Mauro Rotelli, consigliere del ministro della Gioventù, che ha dichiarato che "passare con il nostro viaggio itinerante per il capoluogo dell'Abruzzo non è stato casuale".
"I giovani possono recitare un ruolo molto importante per la rinascita dell'Aquila - ha aggiunto l'assessore regionale alla Protezione civile Gianfranco Giuliante - l'importante è che vengano responsabilizzati e vengano messi in condizione di aggredire il futuro".
La professoressa Maria Teresa Letta della Croce Rossa abruzzese ha invece puntato l'attenzione sulla "straordinaria testimonianza dei giovani volontari che sono arrivati in Abruzzo per aiutare nell'emergenza del post-sisma".

Il Presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli ha colto l'occasione dell'arrivo del truck per illustrare il progetto "Ciak, azione: prevenzione!" finanziato dal Ministero della Gioventù nell'ambito del Programma "AzioneProvinceGiovani" che vede la Provincia di Bari ente capofila di un partenariato composto dalla Provincia di Pescara, dalla Lega Italiana per la Lotta ai Tumori di Bari e di Pescara e dal Modavi Onlus.
Anche la Provincia di Brescia si prepara ad accogliere il truck domani, 22 ottobre nella piazza del Duomo: oltre ai gazebo informativi e di intrattenimento da parte delle associazioni volontarie che collaborano con l'assessorato provinciale alle Politiche Giovanili, sono previsti due eventi musicali, l'esibizione del Gruppo Cinofili ProCiv e la premiazione del Concorso di pittura 'Il talento Giovanile bresciano'.

Si può quindi affermare che il truck itinerante sul volontariato si stia dimostrando, come nelle intenzioni degli organizzatori "un'occasione per condividere esperienze, conoscere, informarsi ulteriormente, socializzare e fare rete con altri operatori giovanili del settore al fine di intensificare e migliorare le misure tese a valorizzare il volontariato in Europa e la partecipazione attiva dei giovani" ?

Dall'entusiasmo che ha caratterizzato l'arrivo del truck nelle città designate  e dalle tante cerimonie ed eventi festosi organizzati, si potrebbe proprio dire di sì.



Patrizia Calzolari