#unnuovoclima: per la prima volta a Roma gli "Stati generali sui cambiamenti clima e difesa territorio"

I cambiamenti climatici al centro dell'agenda politica nazionale: #Italiasicura, la struttura di missione di Palazzo Chigi sul dissesto idrogeologico e il Ministero dell'Ambiente organizzano a Roma per la prima volta gli "Stati generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio"

Convocati a Roma per lunedì 22 giugno gli "Stati generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio": sarà la prima tappa italiana verso l'appuntamento dell'Onu a Parigi nel mese di dicembre. Gli "Stati generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio" sono una prima assoluta per il Governo italiano. Il tema è ormai al centro delle agende dei governi e di negoziati politico-diplomatici in corso che dovranno definire il nuovo accordo globale per il 'raffreddamento' della temperatura del Pianeta mantenendola entro il limite di 2 gradi rispetto ai livelli preindustriali.
Gli Stati Generali sono organizzati da #italiasicura e dal Ministero dell'Ambiente e vedranno la partecipazione, fra gli altri,  del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, del Sottosegretario alla Presidenza Claudio De Vincenti, dei ministri Graziano Delrio (Infrastrutture e Trasporti), Gian Luca Galletti (Ambiente), Stefania Giannini (Istruzione, Università e Ricerca), Federica Guidi (Sviluppo Economico) e di una folta rappresentanza delle grandi aziende e associazioni.

A delineare gli scenari di rischio e le azioni di difesa saranno tre relazioni tecniche: del nuovo capo della protezione civile Fabrizio Curcio, del Presidente del Centro Euro Mediterraneo cambiamenti climatici Antonio Navarra e di Francesco Rutelli Presidente del "Centro per un futuro sostenibile".
Interverranno il Ministro francese dell'Ecologia, dello Sviluppo sostenibile e dell'Energia, Ségolène Royal,  il Cardinale Peter Turkson, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace all'indomani della presentazione dell'Enciclica di Papa Francesco su clima e ambiente.


"L'Italia - spiega il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti - vuole essere protagonista nella sfida globale ai cambiamenti climatici. Per raggiungere alla Cop21 di Parigi un accordo vincolante tra gli Stati serve un grande gioco di squadra: da quell'intesa dipende la sicurezza del nostro ambiente, del territorio e dei cittadini".
"Gli effetti dei cambiamenti climatici -
afferma Erasmo D'Angelis coordinatore di #italiasicura -  sono ormai visibili anche nell'aumento degli eventi meteo catastrofici, un tempo estremi e oggi purtroppo ordinari, e nell'aumento dei costi per riparare i danni. Quella di Roma sarà l'occasione anche per presentare un nuovo scenario con un set di interventi e azioni per prevenire, difendere e tutelare meglio il nostro Paese".

Stati Generali  si terranno a Roma, presso la Camera dei Deputati - Nuova Aula dei gruppi parlamentari dalle ore 09.00 alle 17.30: sarà possibile seguire i lavori in diretta streaming su "governo.it" e su tv "la nuova ecologia". Diretta twitter e periscope @italia_sicura #unnuovoclima
Il programma integrale della giornata di lavori è disponibile al link: http://italiasicura.governo.it/site/home/news/articolo541.html


red/pc
(fonte: Italiasicura)