I tre uragani che si sono formati nell'Oceano Atlantico del Nord - fonte: NASA

Usa, in arrivo l'uragano Florence, ordinata l'evacuazione di massa in diversi Stati

Oggi più di un milione di persone saranno costrette a lasciare le loro abitazioni, intanto sono già state evacuate 300mila persone dalle isole barriera davanti al North Carolina

Lungo la costa atlantica degli Stati Uniti sono state ordinate evacuazioni di massa per l'arrivo dell'uragano Florence, di categoria 4 sulla scala Saffir-Simpson, il più potente a minacciare la regione in quasi tre decenni. Il governatore della Virginia Ralph Northam ha emesso un ordine di evacuazione per circa 245mila residenti sulla costa soggetta alle alluvioni a partire dalle 8:00 ora locale mentre il governatore della Carolina del Sud Henry McMaster ha ordinato di lasciare le proprie abitazioni a oltre 1 milione di residenti lungo la costa dopo mezzogiorno.

Si prevede che l'uragano, con venti costanti di 140 miglia all'ora (220 km/h), diventi ancora più forte prima di toccare terrà giovedì, per lo più nella parte sud-orientale del North Carolina vicino al confine con la Carolina del Sud, ha comunicato il National Hurricane Center di Miami.

Almeno 250mila persone sarebbero state evacuate dalle isole settentrionali delle Outer Banks nel North Carolina martedì. Già lunedì 50mila persone hanno dovuto lasciare Hatteras e Ocracoke, le più meridionali delle isole barriera dello stato.

I governatori della Carolina del Nord, della Carolina del Sud, della Virginia e del Maryland hanno dichiarato lo stato di emergenza.

Le autorità hanno detto che Florence può scatenare piogge torrenziali prolungate e inondazioni diffuse, soprattutto se dovesse soffermarsi nell'entroterra per diversi giorni. Si prevedono da 10 a 15 pollici (25-38 cm) di pioggia nelle zone più colpite, forse di più.

red/mn

(fonte: Reuters)