(Fonte foto: Regione Veneto)

Veneto, 11 milioni per bacino di laminazione sul torrente Orolo

L'inizio dei lavori è previsto a febbraio 2020

La Regione del Veneto ha sottoscritto il contratto di appalto per avviare la progettazione esecutiva e i successivi lavori di realizzazione del bacino di laminazione sul torrente Orolo nei Comuni di Costabissara e Isola Vicentina.

“Si tratta di uno dei numerosi, importanti interventi di mitigazione del rischio avviati dall’amministrazione Zaia - spiega l’assessore regionale alla difesa del suolo Gianpaolo Bottacin – in questo caso investiamo 11 milioni di euro, dando un ulteriore significativo segnale in termini di prevenzione.”

Sulla base del contratto sottoscritto l’impresa dovrà redigere il progetto esecutivo entro novanta giorni; seguirà l’approvazione e, quindi, l’inizio lavori è previsto a febbraio 2020.

“Un’opera impegnativa, che riguarda un volume invasabile massimo di un milione di metri cubi su una superficie di 22 ettari – precisa Bottacin – intervento che dovrebbe essere portato a compimento in due anni e, una volta attuato, costituirà una garanzia aggiuntiva per la salvaguardia del territorio dal punto di vista idrogeologico.”

Ad oggi le aree interessate sono già nel possesso della Regione, visto che la procedura espropriativa è in avanzata fase di esecuzione. “Una procedura non semplice, se si pensa che parliamo di 2,5 milioni di euro destinati ai soli espropri” sottolinea Bottacin.

Le opere di progetto saranno costituite da una cassa di espansione, perimetrata da arginature, con derivazione in sinistra idrografica del torrente Orolo; un manufatto di restringimento per la limitazione delle portate transitanti in alveo, realizzato mediante quinte di restringimento; un manufatto di alimentazione a soglia fissa con parte regolabile presidiata da paratoie; un manufatto di restituzione di emergenza; un manufatto di scarico del bacino di laminazione; la realizzazione di arginature per il contenimento dei massimi livelli raggiunti nel bacino in casi di piena.

Aggiudicatari della progettazione l’associazione temporanea d’impresa tra la Mu.Bre. Costruzioni di Mason Vicentino e la Costruzioni Generali Girardini di Sandrigo.

red/gp

(Fonte: Regione Veneto)