fonte: Comune di Venezia

Venezia, ecco il nuovo bando per diventare volontari di protezione civile

Attualmente i gruppi di Protezione civile comunali sono quattro per un totale di circa 170 volontari operanti

Essere maggiorenni; avere residenza o domicilio nel Comune di Venezia; disporre di tempo da destinare alla collettività; garantire un impegno costante sia nelle emergenze che in tutte le attività di formazione, addestramento e e di supporto alle grandi manifestazioni che si tengono nel territorio. Questo il profilo ideale previsto dal bando di reclutamento di volontari della Protezione civile comunale, presentato questa mattina, al Municipio di Mestre, con una conferenza stampa a cui hanno preso parte l'assessore comunale alla Protezione civile, Giorgio D'Este, e il dirigente della Protezione civile comunale, Valerio Collini, accompagnato da alcuni dei responsabili dei vari gruppi operanti nel nostro territorio.

“Volevo anzitutto ringraziare – ha sottolineato nel suo intervento l'assessore D'Este – i volontari che già operano nei nostri gruppi: sono persone straordinarie, che hanno creato un gruppo coeso, quasi una famiglia, ad altissima professionalità. Ne hanno dato l'ennesima prova anche nell'agosto scorso, durante l'emergenza scattata per il tornado abbattutosi sulla zona del Cavallino, dove sono intervenute con grande tempestività e competenza. Credo che chiunque si avvicini, per meglio conoscerlo, al mondo della Protezione civile, non possa che rimanerne affascinato, e che nasca in lui il desiderio di farne parte per servire la collettività.”



Attualmente i gruppi di Protezione civile comunali sono quattro (Venezia città d'acqua e arte; Venezia Terraferma; Gips Marghera; Pellestrina-San Pietro in Volta) per un totale di circa 170 volontari operanti.

“La nostra attività – ha spiegato il dirigente Collini non si esplica solo durante gli eventi calamitosi, e nella formazione e nell'addestramento per poter fronteggiare queste emergenze, ma si esercita anche, come diciamo noi 'in tempo di pace', ad esempio, dando assistenza in grandi manifestazioni (dal Carnevale, alla Vogalonga, dalla Regata storica alla VeniceMarathon), svolgendo opera di informazione alla cittadinanza, promuovendo incontri educativi nelle scuole. Esistono poi, all'interno dei vari gruppi, dei nuclei specializzati (ripristino ambientale, tutela dei beni culturali, cucina in emergenza, servizi informatici, antincendi boschivi, informazione rischi industriali, studio e prevenzione): ogni nuovo volontario, oltre a svolgere la normale attività, potrà scegliere di far parte di uno di essi”.

Le domande dovranno essere inviate al Settore Protezione civile, Rischio industriale e Centro previsione e segnalazione maree, entro le ore 12 del 14 giugno 2018, accompagnate da un curriculum. Si terrà poi un primo incontro generale informativo, a cui seguirà un colloquio individuale.

red/mn

(fonte: Comune di Venezia)