(fonte foto: agronotizie.it)

Xylella fastidiosa: Gabrielli approva il piano degli interventi

Un piano di intervento in cinque punti per debellare la Xylella fastidiosa, il batterio che sta pesantemente colpendo il territorio meridionale della Regione Puglia

Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha approvato ieri, giovedì 19 marzo, il piano (predisposto dal Commissario Giuseppe Silletti e vagliato dal Comitato di monitoraggio), di attuazione delle misure per fronteggiare il rischio connesso alla diffusione della Xylella fastidiosa, il batterio che sta pesantemente colpendo il territorio meridionale della Regione Puglia, in particolare la provincia di Lecce. Il coinvolgimento della Protezione civile nelle fasi operative di lotta al batterio era stato deciso il 21 gennaio scorso in un incontro al Mipaaf, Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

"Sono cinque - spiega una nota del DPC - le tipologie di intervento indicate nel piano  cui si potrà fare fronte grazie ai 13.610.000 euro assegnati con la dichiarazione dello stato di emergenza:
  • eliminazione di tutte le piante ospiti della Xylella presenti lungo le strade, fossi, canali e aree verdi all’interno della cosiddetta “area infetta” con trinciatura della chiome e relativo smaltimento;
  • controllo meccanico degli stadi giovanili dei vettori presenti sulle erbe spontanee infestanti con trinciatura;
  • trattamento fitosanitario per il controllo dei vettori adulti in oliveti e frutteti;
  • estirpazione delle piante infette;
  • distruzione delle specie ospiti del batterio all’interno dei vivai.
Perché il piano sia rafforzato nella sua efficacia, nel documento di approvazione il Prefetto Gabrielli ha concordato con il Commissario sull’importanza di una informazione costante, soprattutto nei confronti dei cittadini direttamente coinvolti, e ha sottolineato la necessità di effettuare un continuo monitoraggio sull’evoluzione dell’emergenza così da consentire l’eventuale tempestiva rimodulazione dello stesso piano degli interventi, qualora dovessero cambiare le esigenze".

red/pc

(fonte: DPC)