Acqua alta a Venezia: sbloccati 40 milioni per interventi post emergenza

Il sindaco Brugnaro ha annunciato il trasferimento di 84.047.295,59 euro, di cui il 50% è già stato accreditato nel conto corrente appositamente aperto per l'emergenza

Il sindaco di Venezia e commissario per l'emergenza acqua alta Luigi Brugnaro ha annunciato il trasferimento alla struttura commissariale di 84.047.295,59 euro, di cui il 50% è già stato accreditato nel conto corrente appositamente aperto per l'emergenza. "Si tratta di 42.023.629,79 euro che si sommano ai 20 iniziali già spesi per gli interventi urgenti per garantire la funzionalità dei servizi essenziali cittadini - ha dichiarato il primo cittadino -. I soldi restanti saranno accreditati man mano che spenderemo la prima tranche. Venerdì firmeremo una nuova ordinanza con cui metteremo nero su bianco le modalità con cui privati e aziende potranno ottenere i risarcimenti. Credo che nel giro di pochi giorni chi ha già concluso l'iter potrà vedere i soldi in conto".

Per i soccorsi urgenti alla popolazione e per il ripristino dei servizi essenziali della Città sono stati spesi nell'immediatezza 16 milioni di euro: "Ora invece si sbloccano ulteriori interventi necessari per 40 milioni di euro - ha sottolineato Brugnaro - e rispondiamo alle richieste anche di privati e aziende. Arriviamo a questo punto in tempi record, grazie a procedure interamente telematiche e trasparenti e a un lavoro di squadra che ha coinvolto tutte le strutture commissariali e cittadine. Voglio ringraziare in modo particolare il capo dipartimento della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli e tutto il suo staff".

Degli 84 milioni di euro stanziati per la città 37.093.676,59 euro vanno a coprire cantieri pubblici necessari, 46.953.619,00 euro saranno invece stanziati per privati (3.658 richieste per complessivi 9.820.300,00 euro) e aziende (3.258 richieste per complessivi 37.133.319 euro).

Da oggi quindi a Venezia si sbloccano interventi pubblici, da completare entro 120 giorni, relativi, ad esempio, alla messa in sicurezza di edifici scolastici, strade e impianti fognari, al ripristino di pontili per l'imbarco sui mezzi Actv e alla manutenzione straordinaria al Teatro La Fenice.

red/mn

(fonte: Comune di Venezia)