fonte: Regione del Veneto

Veneto, 500mila euro per interventi di sicurezza idraulica

Prevista la sistemazione degli alvei, delle sponde e delle strutture arginali dei vari corsi d'acqua dei bacini orientali nonché dei diversi manufatti di regolazione idraulica

Nell’ambito della programmazione territoriale per la sicurezza idraulica, tra i diversi interventi al via entro l’estate è prevista anche la sistemazione degli alvei, delle sponde e delle strutture arginali dei vari corsi d'acqua dei bacini orientali nonché dei diversi manufatti di regolazione idraulica con particolare riguardo, per quanto riguarda la rete principale, ai fiumi Livenza, Monticano e Tagliamento, in relazione invece alla rete minore ai canali Lemene, Reghena, Malgher. I lavori, che si svolgeranno in più fasi, proseguiranno anche durante il 2020. “Si tratta di tanti, piccoli interventi manutentivi, per i quali abbiamo stanziato 500.000 euro – spiega l’assessore regionale alla difesa del suolo Gianpaolo Bottacin -, che svolgiamo con regolarità per mantenere sempre alta la sicurezza del territorio”.

I lavori previsti consistono nel taglio di canneti, erbe e arbusti lungo gli argini oltre al diserbo del fondo dei fiumi; l’espurgo del fondo e ripresa di eventuali frane di limitate dimensioni; la raccolta dei rifiuti; il restauro puntuale di difesa di sponda, la sostituzione di pali e il consolidamento delle arginature. Lavori fondamentali per garantire l’assistenza negli interventi di emergenza, in particolare durante gli eventi di piena.

“Relativamente alle attività sui manufatti idraulici – dettaglia l’assessore - è invece prevista la manutenzione delle strutture e dei meccanismi di manovra con piccoli interventi di risanamento e restauro delle parti meccaniche danneggiate, così da garantire la sicurezza e la funzionalità degli impianti elettrici dei diversi apparecchi di manovra, nonché eseguire la manutenzione dei sistemi di controllo computerizzati e dei vari software”.

red/mn

(fonte: Regione del Veneto)