Il logo dell'Università degli studi de L'Aquila

Abruzzo: presentato oggi Cerfis, centro ricerca ingegneria sismica

un progetto volto ad assicurare la qualità della ricostruzione, attraverso l'impegno nella formazione e nella ricerca nel settore dell'ingegneria sismica

In seguito al devastante sisma che ha colpito l'Aquila e i comuni limitrofi, e' nato il Cerfis, Centro di Ricerca e Formazione in Ingegneria Sismica, istituito dal Dipartimento di Ingegneria delle Strutture, delle Acque e del Terreno dell'Università dell'Aquila e dalla Commissione Nazionale paritetica per le Casse Edili - CNCE, a nome anche dell'Ente Nazionale per la Formazione professionale in edilizia (Formedil) e dell'Ente Nazionale per la Prevenzione degli infortuni sul lavoro (CNCPT). Lo scopo dell'iniziativa, nata in collaborazione con gli Enti Paritetici dell'edilizia, è di promuovere e di trasferire la conoscenza delle discipline dell'ingegneria sismica nel territorio, rendendo pubbliche le esperienze maturate in tema di ricostruzione, restauro e conservazione a livello nazionale ed internazionale, in un percorso a sostegno della città.

Oggi la presentazione ufficiale del CERFIS , presso l'Aula Magna Rivera, Coppito 1, dell'Universita' dell'Aquila in un convegno al quale prenderanno parte, oltre al rettore dell'Universita', Ferdinando Di Orio, al presidente della CNCE, Armido Frezza, e al direttore del Centro, Dante Galeotta, il presidente di ANCE, Paolo Buzzetti, il vicepresidente del Consiglio regionale d'Abruzzo, Giorgio De Matteis, il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, il responsabile dell'Unita' di missione per la ricostruzione in Abruzzo, Gaetano Fontana, il presidente della CNA-costruzioni, Rinaldo Incerpi, e il segretario generale della Filca - CISL, Domenico Pesenti.
Durante il convegno verranno evidenziate le attività che il Centro metterà in opera nei prossimi mesi e verranno forniti dati e alcune analisi sullo stato attuale della ricostruzione e sulle principali problematicità connesse agli interventi di demolizione e ricostruzione dei centri storici.


(red.)