Asti: Provincia e Ordini professionali sinergici contro il dissesto idrogeologico

Un accordo fra Provincia di Asti e ingegneri, architetti, geologi, agronomi per un approccio multi-disciplinare al problema della grande fragilità del territorio con tecniche di ingegneria naturalistica

E' stato siglato venerdì scorso un protocollo d'intesa fra provincia di Asti e Ordini professionali di Ingegneri, Architetti, Geologi, Dottori Agronomi, Collegi professionali dei Geometri e dei Periti Agrari. "L'Astigiano - dichiara la consigliera provinciale Angela Quaglia, che ha promosso l'iniziativa - ha paesaggi dalla bellezza incomparabile, ma è un territorio fragilissimo, soggetto a frane, smottamenti, dissesti, che ne minacciano l'integrità, mettendo a rischio i numerosi chilometri di strade che lo attraversano e la sicurezza di chi vi transita. Per questo, abbiamo coinvolto gli Ordini professionali tecnici: insieme a loro, vorremmo individuare le migliori soluzioni operative, arrivando a elaborare un piano di azione generale, che affronti il problema del dissesto idrogeologico con tecniche di ingegneria naturalistica. Abbiamo chiesto all'assessore regionale Francesco Balocco, che ha competenza sulle opere pubbliche e la difesa del suolo, un incontro per illustrare l'iniziativa. Ora che è ufficialmente costituito il tavolo tecnico, crediamo che questo progetto possa essere un'azione pilota per la Regione Piemonte, della quale auspichiamo una diretta partecipazione. Credo fermamente in questa opportunità, da cui dovrebbero derivare linee guida operative, per affrontare decisamente il problema del dissesto idrogeologico del territorio".

"La Provincia di Asti - spiega Paolo Biletta, dirigente tecnico provinciale - mette a disposizione l'esperienza e la professionalità acquisita dai tecnici della struttura interna di progettazione, ingegneri, geologi, geometri, che nell'ordinario redigono progetti, negli interventi per la sistemazione delle frane svolgono anche la direzione dei lavori e coordinano la sicurezza nei cantieri".

red/pc

(fonte: provincia di Asti)

Su questo argomento potrebbero interessarti anche: