(Fonte foto: Cnsas Calabria)

Calabria, tratte in salvo madre e figlia nella notte

Disperse in Aspromonte, l'allarme era stato dato dal marito della donna. A causa della difficoltà delle ricerche, è stata determinante la chiamata della donna al 115

Sono state trovate la scorsa notte, nei pressi di un torrente, le due donne di 46 e 14 anni, madre e figlia, che nel pomeriggio di ieri si erano smarrite in Aspromonte, nel territorio di Santo Stefano. A dare l'allarme era stato il marito della signora.

Le ricerche si erano rivelate subito complesse per la presenza di molta neve, che si aggiungeva al terreno impervio e all'assenza di copertura telefonica. L'improvvisa svolta delle ricerche è arrivata dal momento in cui la donna è riuscita a telefonare a un numero di emergenza (115), riferendo di trovarsi insieme alla figlia nei pressi di un torrente. Le ricerche si sono così concentrate lungo uno dei corsi d'acqua della zona, consentendo il ritrovamento delle due donne.

Madre e figlia, nel momento dell'arrivo dei soccorritori, sono state trovate in buone condizioni, se si esclude un principio di ipotermia, e sono state prese in consegna dal 118 in "codice giallo". Alle ricerche delle due donne hanno partecipato sei squadre del Soccorso alpino e speleologico Calabria della Stazione Aspromonte, insieme ai carabinieri, ai vigili del fuoco e a volontari delle associazioni di Protezione civile.

red/gp

(Fonte: ANSA)