(Fonte foto: Twitter)

Coronavirus: Francia allenta le misure, Germania le aumenta

Germania e Francia si trovano in due situazioni diverse della lotta alla pandemia

Mentre l’Italia è nel pieno della seconda ondata di coronavirus, con il Governo che porta avanti varie ipotesi sulla gestione delle festività natalizie, Francia e Gemania si trovano in situazioni quasi opposte.

Tranquillità in Francia
"La seconda ondata è passata": il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato così un piano in tre tappe per uscire dal secondo lockdown, nel giorno in cui il Paese arriva ai 50mila morti dall'inizio della pandemia. La prima tappa partirà il 28 novembre, con l'apertura dei negozi, la possibilità di passeggiate nel raggio di 20 chilometri da casa per tre e attività extrascolastiche all'aperto. Riapriranno anche i luoghi di culto, con un massimo di 30 persone. Il 15 dicembre sarà messo fine al confinamento ma vi sarà un coprifuoco dalle 21 alle sette del mattino, con l'eccezione del 24 e il 31 dicembre per permettere di passare le feste in famiglia. In questa fase potranno riaprire anche cinema, teatri e musei. Secondo Macron è "impensabile" che si possa sciare sotto le feste, ma il presidente francese ha aperto alla possibilità di far ripartire gli sport invernali a gennaio, in consultazione con i paesi europei vicini.

La terza tappa, se i dati della pandemia lo permetteranno, potrà scattare il 20 gennaio, con la riapertura di bar, ristoranti e palestre. A questa data riprenderanno anche le lezioni in presenza al liceo, mentre per l'università bisognerà aspettare altri 15 giorni. Macron ha spiegato che ogni due settimane verranno riesaminati i dati dell'epidemia per decidere possibili nuovi aperture o se è necessaria una stretta.

Germania: c’è ancora molto da fare
La cancelliera tedesca Angela Merkel discuterà oggi con i leader dei Länder come proseguire del Paese alla pandemia di Covid-19: la Germania si avvia quasi certamente a una proroga se non addirittura a un rafforzamento delle restrizioni in vigore, adottate all'inizio del mese in corso, quando sono stati chiusi bar, ristoranti e strutture per attività ricreative di fronte all'avanzata della seconda ondata pandemica.

I leader regionali sono a favore di un'estensione fino al 20 dicembre delle misure e Merkel ha più volte sottolineato come il numero delle infezioni sia ancora troppo alto per consentire un allentamento delle misure. Quanto al periodo delle feste natalizie, i leader regionali e federali dovranno riaggiornarsi perché la legislazione consente solo di assumere decisioni con effetto su un periodo di quattro settimane.

red/gp

(Fonte: AdnKronos)