Coronavirus, nuove restrizioni in Regno Unito

Meno invitati ai matrimoni, divieto di sport di squadra indoor e invito a lavorare da casa il più possibile. Queste alcune delle nuove regole

Il Regno Unito si trova a un "pericoloso punto di svolta" e deve agire, ha detto Boris Johnson ai parlamentari, annunciando nuove restrizioni per il Regno Unito, inclusa la riduzione del numero di partecipanti alle celebrazioni nuziali e il divieto di sport di squadra indoor, nonché un invito al ritorno al lavoro a casa.

In un discorso ai Comuni martedì, Johnson ha annunciato il divieto di sport di squadra al coperto, come il calcio a cinque, e ha detto che i piani per un ritorno parziale degli appassionati di sport negli stadi dal 1° ottobre sono stati "sospesi". Le celebrazioni nuziali saranno limitate a soli 15 ospiti, la metà di quanto precedentemente consentito, sebbene i funerali potranno andare avanti con un massimo di 30 persone.

Le mascherine diventeranno obbligatorie per il personale della vendita al dettaglio e dell'ospitalità, nonché per i passeggeri dei taxi, una richiesta chiave del sindaco di Londra, Sadiq Khan, che ha parlato con Johnson martedì mattina.

Il primo ministro ha detto che le restrizioni potrebbero essere in vigore per "forse sei mesi". "Dopo sarebbe allettante sperare che la minaccia sia svanita e cercare conforto nella convinzione che se hai evitato il virus fino ad ora, allora sei in qualche modo immune", ha detto.

Oltre all'orario di chiusura delle 22:00 per pub, bar e ristoranti in Inghilterra, già annunciato durante la notte, anche i negozi da asporto saranno chiusi dalle 22:00, anche se le consegne potranno continuare e ai pub sarà consentito solo offrire il servizio al tavolo. Inoltre Johnson nel suo discoro ha sottolineato l'importanza di rispettare "la regole del sei" - che vieta di riunirsi, anche in casa e con parenti, in gruppi di più di sei persone - e il distanziamento sociale.

red/mn

(fonte: Guardian)