fonte pixabay

Coronavirus, prima volta senza vittime in Cina. Giappone in stato d'emergenza

Mentre in Cina per la prima volta da Gennaio non ci sono morti da coronavirus il Giappone dichiara l'emergenza lasciando ai governatori delle sette regioni il compito di stabilire le limitazioni

La Cina ha dichiarato di aver raggiunto per la prima volta quota zero morti da coronavirus da Gennaio. Oggi, martedì 7 aprile, infatti, la Commissione nazionale della Salute cinese, ha riportato la presenza di 32 nuovi casi in Cina, tutte persone giunte da altri paesi. E di 30 nuovi casi di asintomatici. Nonostante questo ha anche annunciato che per la prima volta da quando la Commissione ha iniziato a pubblicare i dati a Gennaio, non ci sono stati morti per coronavirus. Lo spiraglio di luce è giunto proprio mentre tutta la Cina e Hong Kong erano pronti a rafforzare le restrizioni sugli arrivi dall'estero in concomitanza con la crescita del numero di casi importati e di casi asintomatici.

In Giappone invece il premier giapponese Shinzo Abe ha proclamato lo stato d'emergenza per la regione di Tokyo e tutte le altre sei del Paese per contrastare la pandemia di coronavirus. L'emergenza durerà un mese. "Ho deciso che la situazione fa temere per la vita delle persone e per l'economia. Sto dichiarando lo stato d'emergenza" ha detto Abe. La misura è più debole degli stretti confinamenti decisi da altri Paesi del mondo, ma dà ai governatori locali il potere di imporre ai cittadini di rimanere a casa e a chiudere le aziende.

Red/cb
(Fonte: The Guardian, Agi)