I volontari Anpas al lavoro a Livorno

Esondazioni Livorno: 120 volontari Anpas al lavoro

120 volontari Anpas sono al lavoro per dare supporto alla città di Livorno devastata dal nubifragio e dalle esondazioni che ieri hanno causato morte di sei persone

Attivati dal Dipartimento della Protezione Civile in seguito al violento nubifragio e conseguenti allagamenti che hanno colpito ieri Livorno, causando la morte di 6 persone (mentre due risultano ancora dispersi), i volontari Anpas della colonna mobile nazionale (120 in tutto ad oggi), in aggiunta ai volontari Anpas Toscana, sono partiti da Valle d'Aosta, Lombardia, Veneto, Liguria e Marche  per dare supporto alla città alle prese con una pesantissima emergenza. Tutte le squadre Anpas sono dotate di pompe idrovore e moduli con idropulitrici e le attività sono coordinate dalla Sala Operativa Nazionale Anpas e dalle sale operative regionali.


"Condoglianze a chi ha subito dei lutti – ha detto il presidente di Anpas Toscana, Attilio Farnesi – siamo vicini a chi ha visto le proprie case inagibili o danneggiate da queste terribili alluvioni. Un ringraziamento va a tutti i volontari di Anpas Toscana che insieme ai volontari Svs di Livono fin dalle prime ore sono intervenuti in sostegno alla cittadinanza in difficoltà”.
"Un primo pensiero da parte di tutti noi ai familiari delle vittime di questa emergenza -, ha  dichiarato Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas - Ancora una volta siamo costretti a dover intervenire con un'attivazione in seguito a eventi luttuosi, ma che evidenzia la capacità di reazione del sistema di protezione civile Anpas con un coinvolgimento di volontari con uno spirito di solidarietà che ci contraddistingue per dare una mano alle comunità colpite".


Continua intanto nel resto dell'Italia colpita dal maltempo l'assistenza e il monitoraggio da parte dei volontari delle pubbliche assistenze Anpas. Secondo Carmine Lizza, responsabile nazionale protezione civile Anpas, "dobbiamo sottolineare l'importanza della flessibilità della nostra colonna mobile nazionale in un momento in cui, contemporaneamente, ancora è in atto una fase acuta del maltempo nel Centro-Sud: abbiamo spostato solo squadre fuori da questo contesto per garantire eventuali altri impieghi in territori diversi".


red/pc
(fonte: Anpas)