(Fonte foto: Pexels)

Ferrovie: brucia cabina elettrica, traffico in tilt

Lo stop era avvenuto a partire dalle 5.10 per un principio di incendio a un tombino e a una cabina dell'impianto di alimentazione a Campo di Marte

Dopo la sospensione dalle prime ore del mattino, riprende il traffico ferroviario nel nodo di Firenze. Lo stop era avvenuto a partire dalle 5.10 a causa dell'intervento della Polfer e dei Vigili del Fuoco per un principio di incendio a un tombino e a una cabina dell'impianto di alimentazione a Campo di Marte. L'allarme è scattato dopo la segnalazione di un motorista di un treno merci che ha visto il fumo: sul posto sono intervenuti Vigili del Fuoco, Polfer, Digos e polizia scientifica che ha effettuato i rilievi. Dalle prime ipotesi degli investigatori si tratterebbe di una manomissione di origine dolosa: "Dai primi accertamenti, il principio d’incendio agli impianti che gestiscono la circolazione dei treni è stato causato da un atto doloso a opera di ignoti", sottolinea Rfi in una nota. Già in passato si sarebbero registrati casi simili sulla stessa linea.

l traffico ferroviario resta "ancora fortemente rallentato nel nodo di Firenze con ripercussioni per la circolazione sulle linee alta velocità e convenzionale". Pesanti i ritardi sia per i convogli sia da nord - Milano e Bologna - che da sud - Napoli". Fortissimi i rallentamenti, con ritardi fino a 180 minuti. Per quanto riguarda il trasporto regionale sono interessati in particolare i collegamenti fra Firenze, Arezzo e il Valdarno e fra Firenze e Borgo San Lorenzo via Pontassieve. È in corso la riprogrammazione del traffico ferroviario. .

red/gp

(Fonte: AdnKronos, ANSA)