Frana di La Saxe: parere
favorevole al piano di interventi

Il Capo dipartimento della Protezione civile ha dato l'ok al piano di interventi proposti per il monitoraggio e la protezione attiva e passiva della frana di Mont la Saxe, in Valle d'Aosta, opere che avranno un costo complessivo di 11,5 milioni di euro

Parere favorevole del Capo del Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, al piano di interventi necessari per fare fronte al movimento franoso del Mont de La Saxe.

Il 10 gennaio scorso il Consiglio dei Ministri aveva approvato la delibera con la quale veniva dichiarato lo stato di emergenza per la frana del Mont de la Saxe e il  6 febbraio era stata pubblicata in GU l'Ordinza del Capo Dipartimento della Protezione Civile (n. 143 - 10/01/2014) relativa ai "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza del significativo incremento del movimento franoso che dal 19 aprile 2013 interessa il versante nord-occidentale del Mont de la Saxe nel territorio del comune di Courmayeur, della Regione autonoma Valle d'Aosta".
Per poter passare alla fase realizzativa delle opere di protezione, occorreva, come ultimo passaggio tecnico-amministrativo, l'approvazione del programma degli interventi da realizzare per l'utilizzo degli 8 milioni di euro di fondi resi disponibili a livello statale, unitamente alla quota regionale di 3,5 milioni di euro.
Il Piano di interventi, per i quali ieri Gabrielli venerdì ha dato parere favorevole,  è stato predisposto dal Commissario delegato, e contiene le opere  di monitoraggio e di protezione attiva e passiva da realizzare, per un costo complessivo di 11 milioni e mezzo di euro. Tra di essi è anche ricompreso quello relativo alla costruzione del vallo di protezione degli abitati di Entrèves e La Palud, la cui progettazione sta proseguendo, in attesa del pronunciamento del TAR del Lazio sulla richiesta di sospensiva dell'Ordinanza previsto per il 26 marzo prossimo, richiesta avanzata da alcuni cittadini nei giorni scorsi.


red/pc