(fonte foto: altarimini.it)

Frana San Leo: la Regione chiede al Governo 7,8 mln di € per il consolidamento della Rupe

Per proteggere e valorizzare San Leo (RN) e la sua rupe, patrimonio della nostra terra, abbiamo presentato al ministero dell'Ambiente progetti per 7 milioni e 800 mila euro: lo ha reso noto il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini

"Per la Regione Emilia-Romagna la tutela di San Leo e della sua Rupe rimane una priorità: si tratta di un gioiello paesaggistico e ambientale da proteggere con tutti i mezzi e le risorse possibili. E già dalle prossime settimane questo patrimonio sarà fruibile in tutta la sua bellezza". Lo ha affermato il presidente della Regione Stefano Bonaccini, intervenendo a un convegno organizzato nel paese riminese in occasione del primo anniversario dal crollo di una parte della Rupe, avvenuto il 27 febbraio dello scorso anno.

"Proprio per proteggere e valorizzare questo patrimonio della nostra terra - ha anticipato Bonaccini - abbiamo già presentato al ministero dell'Ambiente i progetti per il consolidamento della Rupe e di Fosso Campone, chiedendo che vengano inseriti nel Piano decennale contro il dissesto idrogeologico. Si tratta di interventi per 7 milioni e 800 mila euro. La difesa del suolo è una delle priorità del nostro mandato, per questo continueremo ad investire risorse nella prevenzione e manutenzione. Nelle prossime settimane definiremo un piano delle emergenze per i prossimi cinque/dieci anni, con grande senso di responsabilità, perché siamo consapevoli che non tutto può essere classificato come emergenza".

"Abbiamo iniziato a lavorare subito in modo coordinato e integrato a tutti i livelli di governo - ha poi sottolineato l'assessore alla difesa del suolo e protezione civile Paola Gazzolo -, mettendo a disposizione 1,5 milioni di risorse, oltre un terzo delle quali dal bilancio regionale. Adesso andiamo avanti con il monitoraggio, nel frattempo il ministero dell'Ambiente e Italia sicura hanno già in mano i progetti messi a punto per la salvaguardia di San Leo".

red/pc