fonte pixabay

Il Coronavirus ha "scalato" anche l'Everest

Numerosi i positivi al virus nei campi base della vetta che sono stati trasportati in elicottero fino a
Kathmandhu

Il covid è arrivato anche ad alta quota. Sulle vette più alte del mondo. Il contagio ha toccato infatti anche i campi base dell'Everest e del Dhaulagiri, in Nepal. Per questo motivo, come riportato dai media locali, numerosi alpinisti, portatori e personale di vario tipo, sono stati evacuati dalle cime di queste montagne. In particolare la situazione più grave si è verificata al campo base del Dhaulagiri, la settima montagna più alta della Terra. Qui ben 150 persone tra scalatori e personale che li assiste nelle scalate convivevano fino a quando un team medico dell'esercito nepalese non ha scoperto che una ventina di loro erano positivi al coronavirus. Alpinisti e sherpa positivi al test sono quindi stati trasportati in elicottero a Kathmandhu, altri verranno evacuati non appena le condizioni meteorologiche consentiranno il volo. Nel caso del campo base dell'Everest, dove si trovano circa 1600 persone, i casi di covid registrati sono stati così numerosi che sono state create delle zone dove isolare i contagiati. I medici hanno invitato gli alpinisti a non spostarsi dalle tende delle rispettive spedizioni, a non andare a visitare altri scalatori, a tenere sempre la mascherina. Anche in questo caso una ventina di malati sono stati evacuati in elicottero e trasportati a Kathmandhu.

Red/cb

(Fonte: Ansa)