(Fonte foto: profilo Twitter @BNBP_Indonesia)

Indonesia, erutta il vulcano Merapi

Le autorità hanno avvertito la popolazione che c'è il rischio che la lava raggiunga le strade

Il vulcano indonesiano sul Monte Merapi sull'isola di Java è eruttato mercoledì, spandendo una grande nuvola di cenere e spingendo le autorità ad avvertire la popolazione che il rischio che la lava raggiunga le strade è concreto. Il Monte Merapi, con i suoi 2.963 metri di altezza, è uno dei vulcani indonesiani più attivi. Karbani, il capo del centro indonesiano di vulcanologia e mitigazione del rischio geologico, ha detto che Merapi ha eruttato nuvole calde “abbastanza intensamente”, almeno trenta volte dalla mattina di mercoledì. Le fotografie, condivise sui social, mostrano le ceneri del vulcano ricopre le case vicine.

Un episodio non isolato
È stata la più grande colata di lava dal monte Merapi da novembre, quando le autorità hanno elevato il livello di allerta, spiega Hanik Humaida, vulcanologo a capo del Centro di mitigazione dei rischi geologici di Yogyakarta. Nel novembre scorso circa duemila persone che vivono sulla montagna nei distretti di Magelang e Sleman sull'isola di Java erano state costrette all'evacuazione, ma da allora la maggior parte era tornata. Al momento non è stata decisa una nuova evacuazione, sebbene, pur non essendoci ancora notizie di danni, alcuni residenti hanno preferito abbandonare le loro abitazioni. L'allerta è stata tutt'ora al livello immediatamente inferiore al massimo, con le autorità che hanno avvertito la popolazione di mantenersi all'esterno della zona di pericolo, il cui perimetro è posto a una distanza di 5 chilometri dal cratere

Situata nel cosiddetto “Anello di Fuoco”, l'Indonesia ha più vulcani attivi di qualsiasi altro Stato. Merapi è già eruttato violentemente nel 2010, uccidendo circa 350 persone.

red/gp

(Fonte: Reuters, Rainews)