fonte: Cnsas

Lagastrello, trovato senza vita il runner disperso sull'Appennino tosco-emiliano

Nel tardo pomeriggio di domenica 30 settembre aveva contattato il 112, riferendo di essersi ferito e di non sapere con esattezza la propria posizione

Nel pomeriggio di martedì 2 ottobre, è stato avvistato con due sorvoli in elicottero il corpo dell'uomo statunitense, originario della Nuova Zelanda, disperso da domenica sull'Appennino tosco-emiliano, al confine con l'Appennino Reggiano e Parmense. La zona è purtroppo piuttosto impervia, e il recupero è stato affidato alle squadre territoriali del Soccorso Alpino Toscano insieme all'elicottero Pegaso 3.

Purtroppo, complice il sopraggiungere del buio, il difficile recupero non è stato ultimato nella serata di ieri, ed è stato portato a termine questa mattina. Come si sospettava, il corpo recuperato era quello di D.C., cittadino statunitense ma di origini neozelandesi di cinquantasette anni. L'uomo era partito per un allenamento di corsa dalla località di Torsana (Comano-Ms), in direzione del crinale Tosco Emiliano. Nel tardo pomeriggio di domenica 30 settembre aveva contattato il 112, riferendo di essersi ferito e di non sapere con esattezza la propria posizione. Per due giorni, i tecnici del Soccorso Alpino, insieme ai Vigili del Fuoco hanno condotto ricognizioni sia via terra che con elicotteri della Marina Militare (che hanno imbarcato a bordo tecnici del SAST e del SAER) e dei Vvf. Purtroppo le condizioni meteo moto sfavorevoli (nebbia, raffiche di vento a 120km/h, temporali) hanno ostacolato non poco il lavoro dei soccorritori.

red/mn

(fonte: Cnsas)