L'Università riparte con lezioni a distanza e in presenza con mascherina

Previsto un modello misto che prevede una occupazione delle aule al 50% e in contemporanea la didattica a distanza per raggiunger i fuorisede e gli stranieri ma anche coloro che non sono in grado di seguire le lezioni per vari motivi

Dopo la scuola, anche l'Università riparte con una serie di regole pensate per fronteggiare l'emergenza coronavirus. "Le lezioni in presenza stanno riprendendo in tutte le università - ha spiegato il ministro dell'Università Gaetano Manfredi su Sky tg 24 - alcune hanno iniziato, la maggior parte riprende lunedì prossimo; c'è un modello misto che prevede una occupazione delle aule al 50% e in contemporanea la didattica a distanza per raggiunger i fuorisede e gli stranieri ma anche coloro che non sono in grado di seguire le lezioni per vari motivi. Si è cercato di privilegiare le matricole che hanno bisogno di una guida più robusta ma stiamo cercando di garantire il massimo della sicurezza convivendo con la pandemia. Abbiamo imposto l'uso della mascherina anche durante le lezioni: è un fastidio ma i numeri nelle aule sono importanti. Tutte le aule sono state cablate per garantire un servizio di qualità".

"Da settembre - ha aggiunto il ministro - tutti gli esami saranno in presenza ma tanti studenti chiedono di poter fare esami a distanza, molti stanno utilizzando la modalità mista in cui l'allievo può scegliere come fare l'esame. Le Università hanno aperto le aule studio e le biblioteche, tutto quello che si può fare per garantire la continuità didattica è stato fatto".

Intanto la Lega ha presentato al Senato una mozione di sfiducia nei confronti del ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina.

red/mn

(fonte: ANSA)