Modena, maltempo: estesa la fase di allarme per il fiume Secchia

A seguito di una riunione presso il Centro unificato della Protezione Civile a Marzaglia (MO) per fare il punto sul maltempo e la conseguente emergenza-fiumi, è stata estesa la fase di allarme per il fiume Secchia. Rimangono chiusi i ponti e sono in corso sopralluoghi in Appennino

"E' stata estesa ai Comuni di Cavezzo, Novi di Modena, San Possidonio e Concordia la fase di allarme per il fiume Secchia, già attivata nella notte tra mercoledì 25 e giovedì 26 per Campogalliano, Modena, Soliera, Bastiglia, Bomporto, San Prospero e Carpi. Il colmo della piena è transitato nelle prime ore del pomeriggio a ponte Bacchello: qui, come a ponte Alto, i livelli stanno lentamente scendendo. Con la fase di allarme sono stati attivati i Centri operativi comunali; il monitoraggio delle arginature, che vede impegnati volontari, organizzazioni di Protezione civile e Aipo, proseguirà da Cavezzo a Concordia fino a tutta la giornata di venerdì 27. Restano chiusi ponte Alto, ponte dell'Uccellino e ponte Motta e, sul Panaro, il ponte di Navicello vecchio".
E' quanto ha reso noto la Provincia di Modena in un comunicato diramato nel pomeriggio di ieri, a seguito della riunione tenutasi  al Centro unificato della Protezione Civile a Marzaglia  per fare il punto sull'emergenza-fiumi con Protezione civile, prefettura, vigili del fuoco, Aipo, consorzi di bonifica e Servizio tecnico di Bacino: oltre all'andamento della piena di Secchia e Panaro si è valutata anche la situazione per quanto riguarda il dissesto idrogeologico in alcune zone dell'appennino e delle situazioni critiche in corso di monitoraggio a Prignano e Palagano.

AGGIORNAMENTO ORE 10: 
La piena del Secchia sta transitando per ora senza problemi a Concordia. Resta chiuso ponte Motta sulla provinciale 8 a Cavezzo, mentre è aperto il ponte di Navicello vecchio sul Panaro a Modena. Aperti anche ponte Alto e ponte dell'Uccellino sul Secchia sempre a Modena. Prosegue il presidio degli argini del Secchia almeno fino alle ore 18 di venerdì 27 marzo. La situazione è tenuta sotto controllo dalla sala operativa della Protezione civile del Centro unificato di Marzaglia.


red/pc

(fonte: provincia di Modena)