Passo del Chiodo, interviene il Soccorso Alpino in aiuto di un disperso

L'uomo, settantasette anni, aveva perso l'orientamento ed era in leggero stato confusionale

I tecnici del Soccorso Alpino Emilia Romagna sono stati attivati dai Carabinieri, nella tarda mattinata, in aiuto di un uomo settantasettenne in difficoltà sul versante emiliano del Passo del Chiodo, valico appenninico che separa le province di Parma e Genova.

L'uomo, residente nel capoluogo ligure, ha parcheggiato la propria auto in una carraia - coperta da uno strato di neve caduta nei giorni scorsi - in prossimità del Passo, scendendo quindi a piedi verso la località di Alpe, nel comune di Bedonia. Appena accortosi di aver perso l'orientamento, ha contattato telefonicamente il 112, comunicando ai Carabinieri di trovarsi sul Passo del Tomarlo, ma avendo probabilmente confuso il percorso per far ritorno in Liguria con il vicino Passo del Chiodo.

I militari dell'Arma hanno quindi attivato il Soccorso Alpino, che con un mezzo si è avvicinato alla zona; arrivati sul valico del Tomarlo però, sia i tecnici del SAER che i Carabinieri non hanno trovato l'autovettura. L'uomo infatti aveva raggiunto, grazie all'aiuto di alcuni passanti, un bar nella frazione di Alpe.

Raggiunto, è stato successivamente accompagnato verso la propria auto, ma le condizioni di salute del settantasettenne, in leggero stato confusionale, hanno convinto i soccorritori ad accompagnarlo dapprima presso il vicino Rifugio Monte Penna, quindi con un mezzo del Soccorso Alpino fino all'ambulanza della Croce Rossa di Bedonia, che a titolo precauzionale lo ha infine trasportato all'Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro per un controllo.

red/gp

(Fonte: CNSAS)