(foto di repertorio)

Piemonte: in arrivo fondi per danni causati da alluvioni autunno 2014

Le alluvioni che ad autunno 2014 hanno colpito diverse zone del Piemonte hanno causato danni per 300 milioni di euro. Sono in arrivo circa 30 milioni di euro che si aggiungono ai circa 10 milioni già stanziati in somma urgenza

La stima dei danni causati dalle alluvioni che lo scorso autunno hanno colpito il Piemonte ammonta a 300 milioni di euro, di cui oltre 173 milioni per le opere più urgenti di competenza regionale. A darne notizia è la Regione Piemonte.

"Occorre precisare che il ritardo nelle assegnazioni, lamentato dalle amministrazioni locali, non è imputabile in alcun modo ad inerzie della Regione che ha tempestivamente assolto alle procedure previste per l'assegnazione dei fondi" - ha dichiarato l'assessore ai lavori pubblici Francesco Balocco.

Nelle settimane successive agli eventi alluvionali - spiega la Regione - sono effettuati i sopralluoghi sui territori colpiti in tutte le province interessate. A dicembre è stato finanziato il primo programma di interventi per un totale di € 10.152.9420 a carico del bilancio regionale per far fronte a molti degli interventi disposti in somma urgenza dalle amministrazioni interessate. Per questi fondi i pagamenti avvengono normalmente sulla base delle rendicontazioni.

Una seconda tranche di finanziamenti pari a 31.250.000,00, deliberati il 7 gennaio 2015 con Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, prevedeva la predisposizione di un piano di ricostruzione, che è stato inviato (nei tempi previsti) il 9 febbraio 2015. A seguito di alcuni chiarimenti richiesti, ed a un incontro con i funzionari tecnici del Dipartimento, gli uffici regionali hanno fornito le opportune rettifiche ed integrazioni che dovrebbero consentire il rilascio dell'autorizzazione nei prossimi giorni.

La Regione comunica che si prevede una redistribuzione dei fondi suddivisi in 14,6 milioni per altre somme urgenze e comunque per lavori già eseguiti o in corso di esecuzione, 16,8 milioni per opere da realizzarsi dando priorità agli interventi di messa in sicurezza di situazioni che potrebbero causare ulteriori danni in occasione di prossimi eventi alluvionali. In base a tali requisiti, circa il 50% delle somme disponibili totali sarà assegnato ad Alessandria e provincia, il 22% alla provincia di Biella, il 7% alla provincia di Vercelli e il rimanente 20% ripartito tra VCO e province di Novara e Torino.

Ulteriori fondi per far fronte alle richieste potranno giungere dalla attivazione del fondo di solidarietà da parte dell'Unione europea, richiesta attivata nel dicembre del 2014.


Redazione/sm

(fonte: Regione Piemonte)