Terremoti nel Mugello:
simulazione per Giotto 2010

Due giorni di esercitazioni per la Protezione Civile del Mugello e della Montagna Fiorentina. Centinaia di operatori e volontari coinvolti; saranno evacuati 10 mila studenti

"Il territorio della Provincia di Firenze è storicamente interessato da terremoti. Per questo motivo l'Amministrazione provinciale sta lavorando da diversi anni per mettere a punto una risposta efficace ed immediata nel caso si verifichi un evento di questo tipo" - ha spiegato Stefano Giorgetti, Assessore alla Protezione Civile della Provincia di Firenze. Le esercitazioni sono un ottimo banco di prova per testare la capacità di risposta ad eventi calamitosi: per questo motivo è stata organizzata l'esercitazione 'Giotto 2010', che si svolgerà i prossimi 22 e 23 ottobre in sedici Comuni del Mugello, della Val di Sieve e della Montagna Fiorentina.

Durante l'esercitazione saranno simulati due eventi sismici: il primo, di magnitudo 3.4, non avrà come conseguenze crolli ma renderà indispensabile l'evacuazione di quasi 10 mila studenti dalle scuole dei territori interessati, coinvolgendo 200 operatori di cui 135 volontari; il secondo, di magnitudo 4.9, determinerà l'attivazione del sistema di Protezione Civile, con la partecipazione di 650 operatori, di cui 350 volontari. Nel secondo contesto saranno evacuati anche palazzi comunali e saranno simulati numerosi eventi franosi e il crollo parziale di un grosso edificio; interverranno i Vigili del Fuoco, dovranno essere recuperati dalle macerie, con l'ausilio delle unità cinofile, 40 feriti che saranno poi soccorsi dal sistema sanitario coordinato dal 118 di Firenze e sarà allestita un'area di ricovero nel Comune di Vicchio, oltre ad un'area di ammassamento soccorritori nell'Autodromo del Mugello. Prevista inoltre la simulazione di uno sversamento di gasolio nel lago di Bilancino in seguito alla rottura di una cisterna: con l'intervento dell'ARPAT, gli operatori dovranno arginare l'inquinamento attraverso mezzi e barriere.

"Solo pochi mesi fa si sono verificate due scosse di una certa intensità" - ha ricordato Stefano Tagliaferri, Presidente della Comunità Montana Mugello, che ha partecipato questa mattina alla conferenza per la presentazione dell'esercitazione. È quindi indispensabile "essere pronti e preparati a gestire le emergenze, e con Giotto 2010 potremo verificare l'efficacia del Piano intercomunale di Protezione Civile e del Piano Provinciale di emergenza". L'esercitazione non è rivolta solo agli operatori del settore, ma anche a tutti i cittadini, "affinché sappiano agire nei momenti di emergenza con i giusti comportamenti".

Paolo Padoin, Prefetto di Firenze, impegnato da oltre 30 nella promozione della Protezione Civile, ha sottolineato l'importanza della prevenzione e della pianificazione, in quanto "il rischio sismico è uno dei più rilevanti, insieme a quello alluvionale, nei nostri territori. È perciò molto importante provare sul terreno quello che è stato puntualmente previsto sulla carta, al fine di abituare gli operatori e le popolazioni interessate a convivere con questa particolare situazione e a diminuire i pericoli conseguenti".

L'esercitazione del 22 e 23 ottobre è organizzata dalla Provincia di Firenze, dalla Comunità Montana del Mugello e dalla Comunità Montana Montagna Fiorentina, in stretta collaborazione con la Regione Toscana e con le Forze dello Stato coordinate dalla Prefettura. Vi prenderanno parte la Protezione Civile, la Polizia Provinciale e Difesa del Suolo della Provincia di Firenze, il Coordinamento Prevenzione Sismica della Regione Toscana, l'Asl e il 118 di Firenze e di Empoli, la Prefettura, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri e le Polizie municipali, la Polizia di Stato, il Corpo Forestale dello Stato, l'Università di Firenze, l'Arpat e l'Autodromo del Mugello, oltre a numerose Associazioni aderenti al Coordinamento Provinciale del volontariato di Protezione Civile.

'Giotto 2010' sarà inoltre un utile test in vista dell'esercitazione internazionale 'Terex 2010', in programma in Garfagnana per la fine di novembre.



Redazione