Terremoto: ad Amatrice, Accumoli e Borbona i primi uffici distaccati della ricostruzione

Incontro con la popolazione di Accumoli a San Benedetto del Tronto per il commissario Errani e il presidente Nicola Zingaretti sulle tempistiche del post terremoto nella Regione Lazio

Saranno ad Amatrice, Accumoli, e nell'area di Posta-Borbona i primi tre uffici delocalizzati della Regione Lazio dedicati alla ricostruzione dei territori colpiti dai recenti  terremoti. Lo si è appreso ieri 8 marzo. Mentre la struttura di Amatrice sarebbe già in fase di allestimento, quelle di Accumoli e Posta dovranno attendere ancora qualche settimana. Gli uffici saranno indispensabili per rendere facilmente accessibili le informazioni necessarie ad avviare correttamente le procedure per l'istruzione delle pratiche e l'accesso ai rimborsi.
Intanto sempre l'8 marzo il presidente della Regione Nicola Zingaretti ha accompagnato a San Benedetto del Tronto il commissario alla ricostruzione Vasco Errani in una visita agli sfollati di Accumoli che si trovano presso l'hotel Relax della cittadina adriatica. Con loro anche il sindaco del piccolo borgo della Laga, Stefano Petrucci e il suo omologo marchigiano Pasqualino Piunti. I tempi per il ritorno nelle zone di origine non sono ancora certi, ma il commissario ha fatto l'ipotesi del mese di giugno.
Necessario ora finire di liberare le aree pubbliche dalle macerie e garantire i servizi essenziali. Tra essi il presidente Zingaretti ha ricordato l'importanza del Posto di Assistenza Socio Sanitaria (Pass) che sarà a breve sostituito con una nuova struttura (l'attuale è gestito da una associazione che deve destinarlo a un'altra area). Tra le iniziative previste per Accumoli anche la creazione di una area camping per tornare a ospitare turisti: un rilancio che passerà anche per la pronta riattivazione degli agriturismo e, per quanto possibile, delle seconde case non gravemente danneggiate dal sisma.

Red/fu