Una borsa di studio e un
libro sulla sicurezza in volo

Quello di Linate fu il più grave disastro aereo del nostro Paese: l'8 ottobre 2001 morirono 118 persone in una collisione fra due aerei. Ieri è stato presentato a Milano un libro sulla sicurezza in volo ed è stata annunciata una borsa di studio di 6000 € per ricerche e tesi in materia

L'8 ottobre del 2001 alle ore 08:10 un aereo MD-87 della Scandinavian Airlines System, in fase di decollo dall'aeroporto di Milano-Linate, entrò in collisione con un Cessna Citation CJ2 entrato erroneamente in pista a causa della fitta nebbia. Dopo l'impatto, l'MD-87 non riuscì a completare la fase di decollo e si schiantò contro l'edificio adibito allo smistamento dei bagagli, situato sul prolungamento della pista. Morirono 118 persone, fu il più grave incidente aereo italiano.

Ieri sera l'assessore all'Università e Ricerca del Comune di Milano, Cristina Tajani, ha incontrato le famiglie delle 118 vittime e i rappresentanti della "Fondazione 8 Ottobre" in occasione della cerimonia di presentazione del libro "Studi in memoria di Sandro Campanella - La cultura della sicurezza del trasporto aereo - Atti del Convegno, Avvocatura Generale dello Stato - Roma, 6 giugno 2013".  Il libro nasce per divulgare gratuitamente il pensiero delle massime autorità aeronautiche, degli studiosi del diritto e dei magistrati sul tema della responsabilità penale nell'erogazione del servizio aeronautico da parte degli operatori, siano essi piloti, controllori di volo, previsori meteorologici o addetti alla manutenzione. Il volume è intitolato a Sandro Campanella, controllore di volo recentemente scomparso, che ha dedicato tutta la sua vita a queste tematiche.
"Occorre divulgare una nuova cultura della sicurezza del volo  - ha affermato Cristina Tajani - favorendo il dialogo tra gli addetti ai lavori, le istituzioni e il mondo universitario affinché quanto accaduto l'8 ottobre del 2001 a Linate non sia solo una data da ricordare, ma un punto fermo nella coscienza civile di ogni operatore del trasporto aereo".
"Entro l'anno - ha poi annunciato l'assessore - verrà emesso dall'Amministrazione milanese il nuovo bando per l'assegnazione della borsa di studio, del valore di seimila euro, rivolta a studenti e ricercatori universitari che, con le loro tesi e ricerche, approfondiranno il tema della sicurezza del volo, mantenendo cosi l'impegno preso con i parenti della vittime affinché rimanga sempre viva, soprattutto nelle nuove generazioni, la memoria del più grave disastro aereo avvenuto in Italia".

red/pc

(fonte: Comune Milano)