Il percorso previsto dell'uragano (fonte: NOAA)

Uragano Michael, minacciate Florida e Alabama: dichiarato stato d'emergenza

Dopo aver devastato l'America Centrale, l'uragano continua a crescere di potenza

Dopo aver causato 13 vittime ufficiali in tutta l’America Centrale, l’uragano Michael sta ora dirigendosi verso la Florida e l’Alabama – che hanno dichiarato lo stato d'emergenza.

Michael, già la 13° tempesta tanto importante da aver ricevuto un nome in questa stagione, dovrebbe arrivare in Florida mercoledì – subito dopo aver raggiunto la Categoria 3. L’uragano era una tempesta di Categoria 1, ma ha guadagnato potenza dopo aver costeggiato la punta occidentale di Cuba. Potranno essere colpiti da grandi quantitativi d’acqua anche il Nord e il Sud Carolina – già in pericolo di raggiungere la soglia di saturazione del terreno dopo il passaggio dell’uragano Florence nel mese scorso.

È stato di allerta lungo tutta la costa del Golfo del Messico, da Tampa, in Florida, fino a New Orleans, in Louisiana. Il governatore della Florida, Rick Scott, ha annunciato via Twitte, la chiusura degli uffici pubblici in 35 contee, mentre sono state predisposte evacuazioni obbligatorie in 3 contee (Wakulla, Bay e Gulf), per un quantitativo di decine di migliaia di persone. “La tempesta potrebbe mettere a repentaglio molte vite ed essere estremamente dannosa”, ha detto il governatore Scott, mentre le autorità di Tallahassee, la capitale della Florida, hanno sottolineato in un comunicato che “mentre la zona d’impatto è ancora incerta, la nostra area potrà subire un aumento dell’attività dei venti e delle delle piogge, che potrà portare ad alluvioni e sradicamenti d’alberi”.

Michael si prepara ad essere la più grave tempesta dal 2005, anno dell’uragano Dennis, a colpire ovvero il nord ovest dello Stato. Già oggi i venti potrebbero toccare i 160 km all'ora, mentre sono previsti circa 30 cm di pioggia.

red/gp

(Fonti: BBC, Reuters)