Zaia su terremoto: "non è
un evento straordinario"

Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, fa sapere, a seguito del terremoto di magnitudo 4.5 di questa mattina in Fadalto e Apago, che la zona è sotto costante monitoraggio, ma che l'evento non è eccezionale essendo quella l'area a maggior rischio sismico della regione

"Stiamo monitorando minuto per minuto la situazione dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4.5 registrata questa mattina, poco dopo le 4, nell'area del Fadalto e dell'Alpago, in Veneto, e nel contermine territorio del Friuli Venezia Giulia." Così  Luca Zaia Presidente della Regione Veneto, che aggiunge: "La zona e ciò che avviene nel suo sottosuolo sono controllati in continuo pressoché da sempre perché sappiamo benissimo che quest'area è la più soggetta a rischio sismico in tutta la regione. I Comuni e la Protezione Civile sono preparati a queste evenienze e non a caso, in più occasioni, abbiamo organizzato specifiche esercitazioni, proprio per ridurre i pericoli che ogni evento sismico può comportare".

"Quanto successo questa mattina  - ha affermato ancora Zaia - non è  un evento straordinario, anche se un sisma fa sempre paura e noi continueremo come sempre a informare i cittadini proprio perché possano tutelarsi al meglio contro i possibili effetti, sapendo che le regole di autoprotezione sono, in questi casi, le più efficaci e comunque sia le prime da applicare".

"Noi veneti
- ha concluso il Presidente Zaia - sappiamo benissimo di vivere su un territorio soggetto a sismicità e abbiamo imparato a conviverci da sempre. Sappiamo anche che in un territorio sismico i terremoti si ripeteranno, ma questa non è una ‘previsione' in senso stretto, bensì una indicazione che non ci dice dove, quando e con che gravità avverrà l'evento, ma anche per questo va sempre tenuta presente e non deve mai farci trovare impreparati"



red/pc



fonte: uff. stampa Giunta Regionale del Veneto