fonte foto: Google Maps

Cina, Xinmo: 10 morti e 93 dispersi in una frana

Le autorità del Paese hanno stabilito lo stop alle ricerche di eventuali sopravvissuti per il rischio di nuovi smottamenti. Migliaia di persone erano impegnate nei soccorsi

Ricerche interrotte nel villaggio cinese di Xinmo, nel Sichuan, travolto da una frana nella giornata di sabato. Le autorità del Paese hanno stabilito lo stop alle ricerche di eventuali sopravvissuti per il rischio di nuovi smottamenti: lo riporta la Cnn. Migliaia di persone erano impegnate nei soccorsi alla ricerca delle 93 persone ritenute ancora disperse. Finora i morti accertati sono 10, mentre altre 15 persone che in un primo momento erano state incluse nel bilancio delle vittime sono state trovate sane e salve.

Lo smottamento, secondo gli esperti, sarebbe stato causato dalle piogge torrenziali che si sono abbattute sulla regione della Cina e da possibili danni geologici causati da un terremoto che ha colpito la zona nel 2008. "Diciotto milioni di metri cubi di detriti, sufficienti a riempire 7.200 piscine olimpiche, sono scivolati di 1250 metri con un angolo di 55-60 gradi direttamente sul villaggio" ha dichiarato Pei Xiangjun, esperto di disastri geologici presso il ministero della Terra e delle Risorse.

La provincia montuosa del Sichuan è una zona storicamente soggetta a frane provocate da inondazioni e terremoti. Nel 1933, 6800 persone sono morte negli smottamenti causati da un sisma e altre 2500 sono state uccise per il cedimento di una diga.

red/mn

(fonte: Cnn)