Tifone devasta la Cina: 7 morti e 330 mila sfollati

Da oltre settant’anni non si ricordava un tifone di tale violenza. E così la Cina si spezza a casua delle piogge abbondanti e dei venti forti (fino a 170 chilometri orari). I morti sono 7, 9 i disperi, 330 mila le persone evacuate. Crolla antico ponte, case e coltivazioni distrutte, più di 2 miliardi di danni

Morte e devastazione in Cina. Un tifone - con venti fino a 170 chilometri orari e forti precipitazioni - si è abbattuto sulla regione di Xiamen, nel sud-est del paese. Il bilancio è drammatico: morte almeno 7 persone, mentre altre 9 risultano disperse.
Secondo l'agenzia Nuova Cina si tratta del tifone più potente di questa stagione e probabilmente anche il più violento a colpire la provincia costiera di Fujian, di fronte a Taiwan, dal 1949.
Le autorità hanno disposto l'evacuazione di 330 mila abitanti. Centinaia di case sono state distrutte e migliaia di ettari coltivazioni sono state danneggiate, con danni per oltre due miliardi di euro.
Anche un ponte vecchio 900 anni è stato travolto dalle acque. Il tifone aveva colpito due giorni fa l'isola di Taiwan, con la massima violenza da oltre vent'anni. La tempesta ha interrotto il traffico marittimo e fatto volare via i tetti di centinaia di abitazioni.

red/gt