fonte foto: FPL

Uragano Irma, in Florida saranno spente due centrali nucleari

La società che le gestisce ha assicurato che le centrali sono pensate per resistere a simili eventi, ma, se Irma non cambierà direzione, prevede che molti clienti rimarranno senza elettricità

Il fornitore di energia elettrica della "Florida Power & Light" (FPL) ha dichiarato che spegnerà i reattori delle sue due centrali nucleari prima dell'arrivo di Irma. FPL, una filiale di NextEra Energy Inc genera energia per circa 1,9 milioni di case nelle centrali di Turkey Point e St. Lucie che si trovano entrambe lungo la costa atlantica della Florida a circa sei metri sopra il livello del mare.

A seconda del percorso dell'uragano il piano di spegnimento verrà corretto. Attualmente il Dipartimento dell'Energia ha detto che si prevede lo spegnimento di Turkey Point venerdì sera e quello di St. Lucie dodici ore dopo. Secondo il National Hurricane Center le previsioni attuali dicono che Irma, che ha già causato 10 vittime, diversi feriti e gravi danni nei Caraibi, potrebbe colpire la zona più a sud della Florida domenica mattina e poi dovrebbe spostarsi verso nord nei due giorni successivi.

FPL ha dichiarato di aver investito 3 miliardi di dollari per proteggere la sua rete elettrica dopo che, nel 2005, un forte uragano danneggiò diversi impianti in Florida. La società ha assicurato che le centrali sono pensate per resistere a simili eventi, ma
, se Irma non cambierà direzione, FPL prevede che molti clienti rimarranno senza elettricità a causa dei danni alla rete elettrica. La società, che fornisce energia a circa 10 milioni di clienti in Florida, potrebbe dover riparare i danni e potrebbero volerci settimane.

I sistemi di sicurezza di molte centrali nucleari, comprese quelle in Florida, sono stati rinforzati dopo il disastro nucleare di Fukushima in Giappone.

red/mn

(fonte: Reuters)